Ius scholae, 32% figli immigrati vuole pena di morte per chi offende Maometto

Condividi!

Dare la tua cittadinanza ai figli e ai nipoti degli immigrati non li rende integrati, che comunque non deve mai essere l’obiettivo dei patrioti che, invece, devono lavorare per estirpare il tumore. Quindi, anche nella visione del mondo progressista, lo ius scholae o ius soli, ma anche l’attuale legge sulla cittadinanza, è un errore.

Perché dare loro la tua cittadinanza non li rende come te, rende solo impossibile rimandarli a casa. E la loro casa non e mai sarà la nostra.

Chi pensa che un afroislamico possa mai essere italiano è non solo un criminale contro l’identità e il futuro del proprio popolo, ma anche uno scemo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Giovani immigrati e criminalità. Mentre la sinistra nostrana dagli occhi luccicanti prova a scodellarci nel piatto la legge sullo ius scholae, «battaglia di civiltà», panacea di tutte le tensioni sociali — si è visto, infatti, come il modello francese abbia giovato alle tensioni sociali d’Oltralpe — il quotidiano Libero snocciola un’entusiasmante serie di numeri sulla criminalità in Italia e quanto essa sia legata a doppio filo con le fasce più giovani degli stranieri che vi soggiornano. Spoiler: le minoranze portatrici di culture identitarie e al contempo difficilmente assimilabili alla nostra non ne escono benissimo. E sicuramente regalare la cittadinanza italiana a questi individui — senza che se la siano meritata attraverso un percorso di «buona cittadinanza» — non mitigherà questo scollamento dal nostro tessuto sociale e il sentimento di avversione verso la nostra cultura.

Libero esordisce con un sondaggio, condotto da Ifop per l’Istituto Montaigne, in cui viene stimato che il 50% dei musulmani francesi «di età compresa fra i 15 e i 25 anni vorrebbe sostituire la sharia alla costituzione francese». Numeri corroborati da un ulteriore rapporto del 2018 presentato dal saggista Hakim el Karoui, in cui il 32% degli studenti di fede islamica intervistati professa una visione assolutista della religione. Se si attraversa la Manica le statistiche non migliorano: secondo un sondaggio compiuto da autorità statali nel 2018 e citato dalla Fondazione CDdf «il 23% degli immigrati musulmani inglesi ritiene che si debba applicare la sharia nelle loro comunità, mentre il 32% chiede la pena di morte per chi offenda Maometto».




3 pensieri su “Ius scholae, 32% figli immigrati vuole pena di morte per chi offende Maometto”

  1. Pena di morte x chinoffende quel PORCO PEDOFILO BASTARDO DI maometto?😱😱😱
    Che pauraaaaa!!😱😱😱😱
    Cioe’, se dico che allah e maometto si fanno il carretto cadendo dal tetto col salame nel culo e un barile di rum scuro, si sfracellano al suolo e li impalo col piolo…allora mi condannerebbero a morte???Dei vermi inferiori subinsetti cagati dal culo di troie sifilitiche montate da cammelli???
    MA SONO TERRORIZZATO!!!!
    Allora ritratto gli insulti su quelle 2 LERCE MERDE DI CUI BLATERA QUELLA CARTA DA CULI DEL COR ANO!!!
    No, facciamo che NON RITRATTO 1 CAZZO E PROVATE A FARMI FUORI CHE CONOSCERETE GLI USI DI VLAD 3° DI VALACCHIA!!!AVANTI!!!

  2. Vedete, i progressisti ragionano in modo bizzarro. Per loro la storia è finita. Per loro conta solo il positivismo delle leggi. C’è una legge, tutti, come per magia, la devono rispettare.
    Non gli passa minimamente in testa che una legge viene emanata, in democrazia almeno, perché ha il sostegno popolare, e viene rispettata, perché la grande maggioranza, seppure non tutti in una comunità la ritengono ‘giusta’, tuttavia si adeguano alle regole democratiche.
    Bisogna capirli, in fondo, sono decenni che praticamente, di riffa o di raffa, riescono a fare leggi invise alla maggioranza, prima solo silenziosa, ora palese alle elezioni, ma riescono con vari sotterfugi ad imporre in ogni caso la volontà di minoranze iperattive e nei posti giusti.
    Ma con questa gente non potranno farlo, perché loro non rispettano le regoli comuni che gli odiati nazionalisti, nonostante tutto, rispettano, riconoscendosi negli stessi valori di fondo di una comune nazione.
    L’unico modo per i progressisti per dominarli sarebbe con la ferocia delle armi. E non è detto che non la impongano, alla fine, ma non credo ne avranno le palle.
    Rimane il fatto che, se tu hai un popolo dove la metà della popolazione non si riconosce nella Costituzione e nei valori di base, ci sono solo due opzioni, o si cambiano quei valori, anche i più fondamentali, oppure c’è la libanizzazione.

    1. Non si sa se sono più in malafede o più teste di minchia. Ma a prescindere da questo, loro sono i primi a prenderla nel culo dai loro figliocci. Che non esiteranno minimamente a pugnalarli alle spalle per le coccole ricevute.

I commenti sono chiusi.