A Di Maio non bastano i barconi: ne va a prendere 100 con l’aereo in Libia

Condividi!

Lo Stato italiano non è la soluzione, è il problema. Raccolgono tasse come i mafiosi per poi utilizzare i vostri soldi contro di voi. Se non ci fossero i loro aerei e le loro motovedette non arriverebbe quasi nessuno. Se poi li utilizzassero contro l’invasore, invece che a favore, non arriverebbe nessuno.

Una politica criminale e folle. A Di Maio non bastano quelli che arrivano via mare e terra. Vuole farne arrivare degli altri via aerea.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ricordate: ogni immigrato che arriva in Italia, significa dividere le sempre minori risorse con un altro. Vuole dire meno soldi pro-capite. Meno posto in ospedali, asili, case popolari e trasporti. Significa meno acqua ed energia elettrice. Nell’epoca della scarsità è un crimine ancora maggiore.

Non solo porti aperti e l’istituzionalizzazione del traffico delle Ong, non solo migliaia di tunisini sbarcati e poi liberati sul territorio con un ridicolo foglio non via. Non solo navi di lusso dove mandarli in crociera.

Il governo del contagio e dell’invasione sta anche accelerando sui voli che ci portano immigrati in Italia.

Il governo italiano è la ******* di Sant’Egidio. Che a sua volta è la ******* dell’invasione.

Sono partiti stasera dalla Libia, diretti a Fiumicino, 95 clandestini che erano arrivati in Nordafrica dai propri Paesi per pagarsi un viaggio da clandestino in Italia. Invece è arrivato lo scafista Stato italiano ed è andato a prenderli, a spese vostre, con un aereo.

Come lui:

Islamico arrivato con corridoio umanitario sgozza militare, Lamorgese: “Dobbiamo farne arrivare altri”

E’ il terzo volo – si legge in una nota della Farnesina – in attuazione del famigerato protocollo firmato ad aprile 2021 dai ministeri dell’Interno e degli Esteri, Unhacr, Comunità di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese.

Tutto alle spalle degli italiani.




Un pensiero su “A Di Maio non bastano i barconi: ne va a prendere 100 con l’aereo in Libia”

I commenti sono chiusi.