Stupratore albanese non andrà in carcere perché è stato veloce

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il gip del Tribunale di Rimini, tal Manuel Bianchi, non ha convalidato l’arresto in carcere del muratore 22enne albanese fermato dai carabinieri di Cattolica domenica mattina per la violenza sessuale su una ragazza di 20 anni, ma ha disposto solo la custodia ai domiciliari.

Come mai? Perché mentre la stuprava non c’erano i carabinieri. Insomma, è stato veloce. E il ragazzo italiano pestato a sangue?

“Il gip per mancanza della flagranza di reato ha ritenuto disporre la detenzione domiciliare del mio assistito – ha spiegato l’avvocato difensore dell’albanese, tal Marco Defendini del Foro di Pesaro – senza braccialetto elettronico”.

Il braccialetto sarebbe razzista.

Lo stupratore albanese ha anche massacrato ragazzo italiano




Un pensiero su “Stupratore albanese non andrà in carcere perché è stato veloce”

  1. Giudici femministi che scarcerano gli stupratori.

    Giudici che lasciano impuniti i malfattori e puniscono gl’innocenti.

I commenti sono chiusi.