Finale Champions, mogli dei calciatori molestate da bande di africani

Condividi!

Si rompe il muro dell’omertà come accadde con Colonia.

Stade de France: dei 129 tra fermati e arrestati solo 16 britannici e 1 spagnolo. Tutto il resto, la stragrande maggioranza, sono ‘locali’, nuovi francesi o immigrati illegali

VERIFICA LA NOTIZIA

Julia Vigas, moglie di Thiago Alcántara, è stata coinvolta nel caos scoppiato prima della finale di Champions League fuori dallo Stade de France e ha raccontato su social la sua esperienza e quella di altri parenti dei giocatori del Liverpool: “Non mi piace commentare queste cose, ma questa volta ho bisogno di farlo. La finale è stata un incubo totale e non si tratta di calcio, perché quello che è successo va ben oltre il risultato. A causa della mancanza di organizzazione e sicurezza, abbiamo vissuto molti momenti di paura. Siamo stati costantemente minacciati da bande di ladri, che hanno cercato di derubarci e di intrufolarsi nello stadio senza biglietto. Ecco perché molti tifosi sono rimasti fuori dallo stadio. La polizia ha sparato gas lacrimogeni contro famiglie e tifosi, alcuni di loro sono stati anche picchiati. Erano tutti innocenti. A causa di tutto questo, abbiamo dovuto essere scortati per la nostra sicurezza . Bisogna fare qualcosa, questo genere di cose non può succedere in nessun tipo di evento e chiediamo che qualcuno si assuma la responsabilità. Poteva andare molto peggio”.

Stade de France: tifose molestate da centinaia di immigrati durante finale Champions – VIDEO

Finale di Champions, ecco chi ha davvero assaltato lo stadio: non gli inglesi ma gli immigrati – FOTO – VIDEO