AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Ventimiglia: immigrato accoltella figlia e padre che la difende – FOTO

Vox
Condividi!

Stava tornando a casa dal lavoro, quando è stata aggredita da un uomo. E’ quanto accaduto ieri sera in via Cavour, poche decine di metri da largo Torino, ad una ventimigliese di 46 anni che, per motivi ancora da chiarire, è stata aggredita da uno straniero, che secondo alcuni testimoni stava dando in escandescenze a causa dell’abuso di alcol.

VERIFICA LA NOTIZIA

A soccorrere la 46enne è stato il padre. A quel punto sembra che l’aggressore abbia tentato di ferire l’uomo con un coltello. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che stanno compiendo accertamenti per ricostruire con esattezza quanto accaduto.

Vox

«Come Lega di Ventimiglia esprimiamo perplessità sulla riapertura del centro di accoglienza nel Parco Roja, non vogliamo ripetere un’esperienza che a nostro avviso, ma direi ad avviso di tutti i ventimigliesi, non ha prodotto gli effetti sperati. Solo a titolo esemplificativo ricordiamo in quel periodo il concomitante allestimento di un accampamento abusivo sul greto del fiume in zona Gianchette. Siamo preoccupati che ciò che oggi viene proposto come temporaneo venga poi a delinearsi come definitivo. Senza garanzie sui trasferimenti, ad opera della forza pubblica, dei migranti fuori Ventimiglia, la loro permanenza in città, fuori e dentro l’eventuale centro di accoglienza, non può certamente essere ridotta nel tempo» – commenta la Lega di Ventimiglia in seguito al sopralluogo del sindaco Gaetano Scullino e del prefetto di Imperia Armando Nanei per realizzare un campo migranti provvisorio.

«A Ventimiglia, nonostante il proficuo lavoro svolto dalle forze dell’ordine presenti che ringraziamo, manca un’organizzazione dello Stato che invece è presente a Lampedusa, dove si lavora pedissequamente per decongestionare l’isola dai flussi migratori anche al fine di una più serena convivenza con la popolazione locale. Per noi la soluzione migliore, già proposta dalla Lega, rimane un CPR in Liguria, tendenzialmente in zona di frontiera. Un centro a porte chiuse che garantisce, oltre all’immediato trattenimento dei soggetti irregolari e più violenti, il potenziamento degli organici di polizia, investimenti sul territorio e espulsione certa degli irregolari, i quali oggi risulterebbero in aumento rispetto ai richiedenti protezione internazionale. L’apertura di strutture di identificazione e/o accoglienza rischia di rivelarsi un palliativo che attrae nuova migrazione da sud, da est e di respingimento dalla Francia. Questa è la nostra posizione, coerente con quanto sempre affermato e per la quale non siamo disponibili a mediazioni politiche» – conclude la Lega di Ventimiglia.




Un pensiero su “Ventimiglia: immigrato accoltella figlia e padre che la difende – FOTO”

  1. Fate schifo al cazzo, andrebbero accolti col fuoco greco e traccianti, gas nervino e mortai.COGLIONI!!!

I commenti sono chiusi.