Migranti protestano: “Vogliamo traduttori e residenza gratis”

Condividi!

Bizzarra protesta ieri mattina davanti la Prefettura di Cosenza.

VERIFICA LA NOTIZIA

Un branco di immigrati ha manifestato per chiedere “la tutela e il rispetto dei diritti”. Alcune decine di africani hanno esposto striscioni e cartelli chiedendo di ridurre i tempi d’attesa per il rinnovo del permesso di soggiorno, perché le “lungaggini burocratiche rischiano di far perdere loro il lavoro”.

Hanno chiesto, inoltre, di essere trattati meglio al momento del disbrigo delle pratiche, che avverrebbe, a loro dire, senza un mediatore culturale, senza un traduttore e anche dopo lunghe attese per strada, al caldo o sotto la pioggia.

Poverini, vogliono il permesso di soggiorno e non sanno nemmeno l’italiano. Dovrebbe essere un requisito minimo.

Infine i migranti ‘denunciano’ una vera e propria “vendita delle residenze”: persone senza scrupoli offrirebbero, dietro il pagamento di qualche centinaio di euro, delle dichiarazioni di residenza false, di cui molti di loro usufruiscono perché essendo abusivi non potrebbero avere il permesso di soggiorno.

In pratica si sono autodenunciati ma il prefetto non l’ha arrestato.




4 pensieri su “Migranti protestano: “Vogliamo traduttori e residenza gratis””

  1. Personalmente i miei progetti per loro sarebbero:
    1-Campi di concentramento per espulsioni di massa.
    E mi fermo qui.

    1. Il mio progetto per loro ? Rompergli la schiena a legnate prima di scaricarli in mare con una pietra al collo. Cosa volete, ho il cuore tenero, parlo tanto ma poi alla fine mi limiterei a quello, lo so che é proprio poco rispetto a quello che meritano.

  2. Senza rispetto, queste merdacce non possono pretendere alcunchè.
    Ed entrare da clandestino, basta e avanza per precludere qualsiasi diritto.

I commenti sono chiusi.