Massacra la fidanzata e la soffoca a mani nude: “Stato d’ira irrefrenabile”

Condividi!

urante una lite con la fidanzata l’aveva minacciata di far uso di un taglierino, chiudendola in casa contro la sua volontà tra il 19 ed il 20 maggio e picchiandola violentemente, tanto da provocarle gravi lesioni. In più, secondo le ricostruzioni della Questura, “accecato da uno stato d’ira irrefrenabile” aveva anche tentato di soffocare la vittima a mani nude, minacciando che l’avrebbe ammazzata. Succede a Latina, dove un ragazzo di 21 anni di origine straniera è ritenuto responsabile dei reati di sequestro di persona, lesioni personali e tentato omicidio.

La ragazza è riuscita a farsi curare dai sanitari una volta libera: le lesioni riscontrate sono gravi, giudicate guaribili in 30 giorni. Dopo questo episodio, e dopo che la vittima era stata dimessa dall’ospedale, il giovane ha continuato ad importunarla e contattarla telefonicamente in maniera insistente, causandole un intenso stato d’ansia. L’Autorità giudiziaria, concordando con la tesi investigativa dei poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, ha disposto la custodia cautelare in carcere, “misura – spiegano dalla Questura – ritenuta idonea a contenere gli istinti violenti ed i comportamenti incontrollabili e sproporzionati commessi dall’indagato”.

Chiude in casa fidanzata, la picchia e tenta di soffocarla: immigrato fermato dalla polizia




2 pensieri su “Massacra la fidanzata e la soffoca a mani nude: “Stato d’ira irrefrenabile””

  1. Lei è di origine italiana?Se si ben le sta.Mettersi con una merda nera o marrone è sempre controproducente.Rimediano solo botte e prevaricazioni.

  2. Allo zotico piace l’esotico. Almenosi èevitato un altro dramma: quello di mettere al mondo dei sanguemisto.

I commenti sono chiusi.