Ambasciatore Tunisia difende i suoi connazionali spacciatori: “Pagano le tasse”

Condividi!

Un atteggiamento razzista e vergognoso che mina i rapporti tra Italia e Tunisia”. A Radio Capital parlava così Osama Sghaier, vicepresidente del Parlamento tunisino che condannava la citofonata del leader leghista ad una famiglia di spacciatori tunisini a Bologna.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Salvini è un irresponsabile – diceva Sghaier, – perché non è la prima volta che prende atteggiamenti vergognosi nei confronti della popolazione tunisina. Lui continua ad essere razzista e mina le relazioni che ci sono tra la popolazione italiana e la nostra. I nostri paesi hanno ottimi rapporti. I tunisini in Italia pagano le tasse e quelle tasse servono anche a pagare lo stipendio di Salvini. Dunque – conclude Osama Sghaier – si tratta di un gesto puramente razzista”. La protesta dell’ambasciata di Tunisi in Italia L’ambasciatore tunisino a Roma, Moez Sinaoui, ha espresso “costernazione per l’imbarazzante condotta di un senatore della Repubblica italiana” dopo che il leader della Lega ha citofonato davanti alle telecamere ad un cittadino di origine tunisina accusandolo di spaccio di droga in un quartiere di Bologna. E’ una “provocazione senza alcun rispetto di un domicilio privato”, aveva detto l’ambasciatore citando le sue parole contenute in una lettera inviata alla presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati. L’ambasciatore ha sottolineato che è “stata illegittimamente diffamata una famiglia tunisina”.

“I tunisini pagano le tasse” è la battuta dell’anno.

Alla luce di questo:

Famiglia nordafricana citofofonata da Salvini beccata a spacciare: padre, madre e due figli – VIDEO

L’ambasciatore dovrebbe andare a nascondersi.




5 pensieri su “Ambasciatore Tunisia difende i suoi connazionali spacciatori: “Pagano le tasse””

  1. Poi pagano anche il 2% alla cassa spaccio, in quanto liberi professionisti od emettono fattura con domiciliazione fiscale, in quanto commercianti? Ogni tre mesi la loro “associazione di categoria” invia anche lo spesometro all’agenzia dell’entrata (rubate)? Praticamente sono dei “professionisti” in piena regola….

I commenti sono chiusi.