Reddito cittadinanza: paghiamo gli scrocconi romeni per restare in Italia

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Furbetti della Pensione di cittadinanza. Continua il lavoro dei finanzieri del Comando Provinciale di Rovigo. Che hanno denunciato 100 cittadini di nazionalità rumena. Che hanno indebitamente percepito la Pensione di cittadinanza in quanto privi del requisito di “residenza”. Proseguendo su un percorso investigativo già consolidato in materia di Reddito di cittadinanza, le Fiamme Gialle hanno individuato ulteriori posizioni. Di soggetti che irregolarmente hanno fatto ricorso all’ormai diffuso sistema. Connotato dalla dolosa consapevolezza che tutta la procedura di richiesta del sussidio poggiava su un sistema di autocertificazioni, le cosiddette Dsu (Dichiarazione Sostitutiva Unica), contenenti dati inesatti o falsi.

I Finanzieri della Tenenza di Occhiobello e del Gruppo di Rovigo hanno esaminato la posizione di una vasta platea di persone. Che hanno avuto accesso alla Pensione di cittadinanza. Destinata ai nuclei familiari composti solo da ultra 67enni. O anche da componenti di età inferiore qualora disabili o non autosufficienti. La misura della Pensione di Cittadinanza, a differenza dell’omologo Reddito di Cittadinanza, rappresenta una misura di sostegno “permanente”. Che può decadere esclusivamente con la perdita dei requisiti (decesso del percettore o perdita della residenza nel territorio dello Stato).

Procedendo nel percorso di analisi, i finanzieri hanno intercettato numerose condotte illecite. Di persone che hanno dichiarato il falso pur di ottenere illegalmente il sostegno. “La peculiare attività eseguita – spiegano gli inquirenti – ha permesso di rilevare la presenza di soggetti. Che hanno strumentalmente assunto la residenza anagrafica sul territorio dello Stato Italiano. In prossimità della richiesta di ottenimento della Pensione di Cittadinanza”.

Ma qui il problema è che un immigrato non dovrebbe prendere mai il reddito di cittadinanza, che altrimenti si dovrebbe chiamare di residenza. E’ ridicolo finanziare la natalità dei nostri invasori.

E se grazie alla Lega questa era una truffa:

Lega beffa gli immigrati: “Niente reddito di cittadinanza”

Ma dopo che il M5s ha cambiato partner sessuale e abrogato durante il Conte II la ‘clausola Ceccardi’ che rendeva difficilissimo ottenere il RdC per un extracomunitario, questa truffa è diventata legale.

Scoperti altri 1.500 immigrati col reddito di cittadinanza: la maxi-truffa grillina

Il vero problema, infatti, sono quelli che lo prendono regolarmente:

Paghiamo il reddito di cittadinanza a 400mila immigrati e rom

Per non parlare del REM, altra marchetta inventata dai grillini per finanziare gli immigrati, come del resto ammettono già dall’oscena pubblicità con l’africano in primo piano. Finanziamo l’invasione e ne favoriamo la permanenza nel territorio.

MIGLIAIA IMMIGRATI HANNO RUBATO IL REDDITO DI CITTADINANZA: ANCHE PER FINANZIARE LO SPACCIO DI DROGA




Un pensiero su “Reddito cittadinanza: paghiamo gli scrocconi romeni per restare in Italia”

  1. IL REDDITO DEL FANCAZZISTA E’ LA PIU’ GRANDE IDIOZIA CHE MENTE UMANA POTESSE DEFECARE, INFATTI I GRULLI….

I commenti sono chiusi.