Musk: “In Italia denatalità spaventosa, così non ci saranno più italiani”

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Il miliardario Elon Musk ha commentato su Twitter la situazione delle nascite negli Stati Uniti basandosi sui dati pubblicati dal Wall Street Journal. “Il tasso di natalità in Usa – ha scritto – è al di sotto dei livelli minimi sostenibili da 50 anni”. La Corea del Sud e Hong Kong, ha aggiunto il Ceo di Tesla, sono i Paesi che stanno sperimentando il più rapido collasso della popolazione. A questo punto un data analyst italiano è intervenuto nella conversazione commentando come l’Italia, pur vivendo in uno stato di benessere generale, si collochi tra gli ultimi dieci Paesi per tasso di natalità. La risposta di Musk è netta: “Se l’andamento continua così, l’Italia non avrà più persone“. Secondo il bilancio demografico dell’Istat citato nei commenti, i nuovi nati nel 2019 sono stati 435 mila. I dati Istat aggiornati al 2021 rivelano come lo scorso anno nel Paese ci siano state meno di 400 mila nascite.

Il fondatore di Space X non è nuovo a riflessioni del genere, già nel dicembre del 2021, a Wall Street, affermò: “Penso che uno dei maggiori rischi per la civiltà sia il tasso di natalità in rapido declino. Eppure, così tante persone, comprese quelle intelligenti, pensano che ci siano troppe persone nel mondo e pensano che la popolazione stia crescendo senza controllo. È completamente l’opposto. Per favore, guardate i numeri. Se le persone non hanno più bambini, la civiltà è destinata a sgretolarsi, ricordatelo”.

Il fatto è che la stessa esistenza di miliardari come Musk è all’origine del crollo delle nascite nell’Occidente. E’ la diseguaglianza economica mostruosa di oggi uno degli effetti della precarietà del lavoro e della vita in Europa, America e nei Paesi orientali. La denatalità è uno degli altri effetti. E l’immigrazione è un fattore moltiplicatore, visto che drena le poche risorse disponibili per gli autoctoni.

Comunque, la denatalità in un Paese come l’Italia non sarebbe un problema, se non ci fossero criminali che vogliono ‘risolverla’ importando africani.




7 pensieri su “Musk: “In Italia denatalità spaventosa, così non ci saranno più italiani””

  1. Il problema è che la quantità totale di buon senso è sempre la stessa. Quindi: + gente = + gente che ragiona col culo

  2. La situazione è un po’ più complessa ed ha radici in particolar modo sociologiche più che economiche. In tempi non lontani, ma anche lontani, si facevano, come noto, 5-6, anche 10 o più figli, se la moglie ‘reggeva’, e se non reggeva spesso c’erano altre donne a sfornare figli per un singolo uomo.
    La precarietà, quindi, è un problema solo parziale.
    Il fatto è che il popolo, anche giustamente, auspica ad un benessere che, anche se ragionevolmente non può essere come quello dei miliardari, in minima parte ci si avvicini, e quindi casa propria, possibilmente in un’area non cittadina, con corte, lontano dai vicini, ma vicino ai servizi essenziali e non essenziali, poi ci sono i viaggi, immancabili per fare foto e pubblicarle, cene, bei vestiti, auto di buon livella, ora c’è la fissa per quelle ‘eco’ elettriche.
    Tutta roba che costa e non basta essere a tempo indeterminato con 1500 euro al mese, e parlo di uno stipendio relativamente buono per un giovane (e anche meno giovane), figuriamoci un figlio. Il fatto che lavori anche la propria compagna, anche con pari stipendio, non cambia granché. Se si vogliono dei figli si deve rinunciare a qualcosa, direi molto, di quella roba suddetta.
    Possiamo stare qui a fare la morale agli italiani su quanto sia bello essere genitori piuttosto che avere la bella casa o la bella auto, su quanto sia utilitaristico, anche, e quanto necessario per la società, ma questi discorsi non cambieranno le cose.
    I miliardari come Musk possono avere decine di figli e figliastri e mantenere per tutti, per le madri, e per se, un livello di benessere altissimo e inalterato, ma per le persone normali un figlio o due significa ridurre drasticamente il proprio benessere. E questa è una realtà, lo voglio sottolineare, fare la morale non cambierà le cose.
    Quindi, le cose sono due: o interverrà, in qualche modo non prevedibile, un cambiamento per cui, anche se impone sacrifici, fare figli tornerà ad essere ‘alla moda’, oppure sarà necessario, con la riduzione della popolazione, un massiccio ribilanciamento dei capitali, mobili ed immobili, per cui anche gli ultimi avranno quel capitale minimo che consente di mantenere un livello di benessere elevato (casa di proprietà indipendente, terreno, auto di media cilindrata, possibilità di fare spese che siano mediche, ristrutturazioni, o altre senza dover sempre guardare i propri conti, questo vuol dire stare nel benessere, in sostanza, non comprare Twitter a 45 miliardi di dollari), indipendentemente dall’avere 4 o 5 figli, allora, con l’attuale pensiero socioeconomico, si torneranno a a fare figli.
    Ma con 1200 euro al mese il fatto di averli fino a 70 anni, sempre ci si arrivi alla pensione, non indurranno a generare.

I commenti sono chiusi.