“Zitti, sotto il tavolo”. UE lancia la caccia agli “amici di Putin” in Italia

Condividi!

Il bizzarro vice presidente della commissione Ue, il noto cazzaro Frans Timmermans, a Mezz’ora in Più ha invitato “gli amici di Putin, anche in Italia”, a dire “ci siamo sbagliati” anziché nascondersi sotto il tavolo.

“Gli amici di Putin sono molto zitti adesso”, dice a Mezz’ora in Più su Rai3. “Non ho ancora sentito le loro scuse, nemmeno in Italia – incalza poi – sono sotto il tavolo, ma dovrebbero essere più più chiari e dire ‘Cari amici italiani, ci siamo sbagliati, non porteremo mai più magliette con l’immagine di Putin'”. Il riferimento è a una vecchia foto postata sette anni fa dal leader della Lega e che lo ritrae nella piazza Rossa con addosso la t-shirt incriminata. “È stato fuori luogo e inopportuno”, replica a stretto giro il deputato del Carroccio, Lorenzo Fontana. “Si preoccupi dei disoccupati – continua – risparmi il fiato per qualcosa di più costruttivo e utile alle comunità”.

In un certo senso ha ragione: uscite da sotto il tavolo. Abbiate il coraggio delle vostre idee, una volta nella vita. Anche per il solo fatto che l’oligarchia eurocratica è contro Putin dobbiamo stare con Putin.

La guerra all’Ucraina è la guerra al regime eurocratico che ha a Kiev uno dei propri burattini. E presto saranno quelli come Timmermans a doversi nascondere, e non basterà un tavolo.




3 pensieri su ““Zitti, sotto il tavolo”. UE lancia la caccia agli “amici di Putin” in Italia”

I commenti sono chiusi.