Sedicenne accoltellato per aver difeso l’amico da immigrato

Condividi!

Ancora un immigrato minorenne che tenta di uccidere un coetaneo italiano. Sono venuti qui per questo. Chi li vuole rendere ‘italiani’ è un criminale. Chi non abroga i ricongiungimenti familiari, anche.

Su questa notizia:

Non dà 20 euro: ragazzino italiano accoltellato a polmone e stomaco da baby gang

E’ stato un ‘latinos’.

Fermato alle 22.30 di ieri per tentato omicidio un sedicenne di El Salvador: ha ammesso davanti alla polizia di aver accoltellato un coetaneo al Parco Trapezio, zona Rogoredo-Santa Giulia, dopo una lite. Il ferito, un ragazzo italiano di 16 anni, colpito con due fendenti allo stomaco e al petto, è rimasto a terra con un polmone perforato. Trasportato d’urgenza al Policlinico, è in gravi condizioni ma non rischia la vita. L’episodio risale a ieri pomeriggio: poco prima delle 17 due fazioni di giovanissimi si sono scontrate a seguito della richiesta di “20 euro” da parte dell’aggressore, accompagnato da un amico, che vantava un credito per della marijuana non pagata tempo fa. Una “fantasia” secondo l’altro gruppo.

Il sedicenne è intervenuto a difesa dell’amico al quale era stata rivolta la richiesta di soldi, ed è stato prima spinto e poi ferito con un coltellino. L’aggressore si è poi dileguato. Ma gli agenti della squadra investigativa del commissariato Mecenate guidati dal dirigente Angelo De Simone si sono messi subito sulle sue tracce, dopo aver ascoltato le testimonianze dei ragazzi presenti che hanno indicato anche gli account social dell’accoltellatore. Contattata la famiglia, la polizia ha scoperto che il ragazzo si era allontanato senza permesso da una comunità terapeutica (dove si trovava da marzo, su disposizione del Tribunale).

Dopo l’aggressione era passato da casa, sempre nella periferia sud-est, in modo da cambiarsi i vestiti, per poi allontanarsi di nuovo. Gli agenti lo hanno trovato al Parco Ravizza, grazie a una “chat di gruppo” indicata da alcuni coetanei. Il giovane, che non ha precedenti, è stato collaborativo, ammettendo di aver colpito il coetaneo e di essersi poi sbarazzato del coltello. Sottoposto a fermo con l’accusa di tentato omicidio, è stato accompagnato al Cpa di Torino.

Rogoredo, sedicenne accoltellato dopo aver difeso l’amico. Fermato un coetaneo straniero