Giornata in memoria vittime Marocchinate: quando gli africani stuprarono 60mila italiani

Condividi!

E continuano a farlo.

Marocchinate: gli africani portati in Italia dagli Alleati hanno stuprato 60mila donne, bambini e uomini




Un pensiero su “Giornata in memoria vittime Marocchinate: quando gli africani stuprarono 60mila italiani”

  1. 60.000 persone (quelle che si conoscono) segnate per tutta la vita. Soprattutto le bambine e le donne, che hanno avuto violato il proprio onore. Numerose quelle deflorate da queste bestie libidinose maroccazze con violenza. Le loro “prede bianche” da sfondare come bottino di guerra. Bastardi.

    I Tedeschi che erano dei veri soldati, disciplinati e corretti, dopo la battaglia persa a Montecassino, avevano sollecitato a evacuare le popolazioni della Ciociaria dove presto sarebbe arrivata la soldataglia magrebina. Evidentemente conoscevano bene la loro condotta di guerra e la loro libidine incontrollata. Ma si sa, secondo la storiografia ufficiale i soldati tedeschi erano feroci, malvagi e spietati. In realtà erano dei poveri cristi che dovevano ubbidire a degli ordini anche se discutibili, e tra l’altro l’aschenazita Hitler li mandò al macello su più fronti.

    E sempre secondo la storiografia ufficiale, i goumier marocchini stupratori furono nostri “libberatori”. E ogni anno, il 25 aprile, celebriamo le loro azioni esecrabili in sfregio alle loro povere vittime.

I commenti sono chiusi.