McDonald’s lascia la Russia e svende tutta la rete di ristoranti spazzatura: altra vittoria di Putin

Condividi!

Si prende l’Ucraina. Il rublo vola. Il gas lo vende al doppio di prima. Si libera delle multinazionali straniere e della loro perniciosa attività di propaganda. Mette in ginocchio l’economia occidentale. E i nostri media dicono che stiamo vincendo. 🤡

La chiusura “temporanea” dei punti vendita McDonald’s in Russia diventa definitiva. Dopo aver sospeso le attività di tutti i negozi all’inizio di marzo, a seguito dell’invasione dell’Ucraina, infatti oggi il colosso americano dello junk food ha annunciato l’uscita dal mercato russo, con la conseguente cessione di tutta la rete di vendita.

Si tratta di 850 punti sparsi in tutta la Federazione, con un totale di 62mila dipendenti.

Beati loro.




3 pensieri su “McDonald’s lascia la Russia e svende tutta la rete di ristoranti spazzatura: altra vittoria di Putin”

    1. A parte che poi “stiamo vincendo” chi? Io non mi sento rappresentato da un’Italia eterodiretta dagli USA dal 1945.

I commenti sono chiusi.