Studenti nigeriani lapidano e bruciano compagna di classe cristiana per “commenti blasfemi su Maometto” – VIDEO

Condividi!

Presto accadrà nelle nostre scuole. E noi ne facciamo entrare a centinaia ogni giorno. Sui barconi e con gli aerei. Importiamo ‘persone’ che un giorno bruceranno vivi i nostri figli e nipoti per commenti su Maometto.

Studenti musulmani nel nord-ovest della Nigeria hanno lapidato a morte una studentessa cristiana e poi l’hanno bruciata dopo averla accusata di blasfemia contro il profeta Maometto. Il caso si è verificato nello stato di Sokoto, dove la Sharia viene applicata insieme al diritto comune, come in altri stati del nord della Nigeria.

VERIFICA LA NOTIZIA

Decine di studenti della scuola Shehu-Shagari si sono infuriati dopo aver letto un commento pubblicato sui social media dalla collega studentessa cristiana Deborah Samuel che consideravano offensivo del profeta Maometto, ha dichiarato Sanusi Abubakar, portavoce della polizia di Sokoto. “Gli studenti l’hanno portata fuori con la forza dalla stanza dove era stata portata in salvo dai funzionari dell’istruzione, l’hanno uccisa e bruciato l’edificio “, ha aggiunto il portavoce. Due sospetti sono stati arrestati, ha detto.

Uno studente, che ha dato Babangida come unico nome, ha accusato la studentessa di aver postato “il commento offensivo su un gruppo di messaggistica WhatsApp studentesco che tutti hanno visto” . “Gli studenti musulmani della scuola, che erano furiosi per il suo insulto, si sono mobilitati e l’hanno picchiata a morte “, ha aggiunto.

Gazettengr


Facebook




4 pensieri su “Studenti nigeriani lapidano e bruciano compagna di classe cristiana per “commenti blasfemi su Maometto” – VIDEO”

  1. ALLAH MAIAL ALLAH MAIAL ALLAH MAIAL ALLAH MAIAL ALLAH MAIAL ALLAH MAIAL ALLAH MAIAL
    PORCO MAOMETTO BASTARDO PEDOFILO GAY DEMONIACO

  2. E magari tra gli immigrati ci riceviamo alcune tra queste immonde bestiacce.
    “Restiamo umani” perché è l’oro che comanda.

    Luridi sepolcri imbiancati(di sperma) 🤮🤮🤮🤮

I commenti sono chiusi.