Le gang di immigrati si prendono l’Italia: “Vi stiamo invadendo” – VIDEO

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Condanne fino ai 12 anni di carcere, più altre rispetto a quelle chieste dalla Procura, per i componenti di una banda di giovani di origine ecuadoriana, la «Barrio 18», smantellata nell’ottobre 2021 con 17 arresti eseguiti dalla Squadra mobile milanese. A deciderlo è stato il gup Ileana Ramundo che ha giudicato, tra abbreviati e patteggiamenti, 16 giovani salvadoregni — un 17esimo è stato stralciato — , oltrepassando le richieste avanzate dal pm Francesca Crupi.

Accanto ai 12 e 10 anni ai due capi della pandilla, i cui soprannomi erano rispettivamente «Vida» e «Labio», il giudice ha inflitto pene molto severe, per via di due tentati omicidi nei confronti di connazionali ritenuti vicini alla banda rivale Ms13, anche agli altri componenti della gang come 10 anni e 8 mesi o 7 anni e 6 anni ad altri tre imputati a cui si aggiunge, per esempio, un patteggiamento a 5 anni.

«Barrio 18», stando alle indagini, imperversava con furti e rapine (contestati anche i reati di associazione per delinquere e tentato omicidio) soprattutto a Limbiate, nel Milanese. E stava cercando, secondo l’accusa, di occupare gli spazi lasciati liberi dopo gli arresti di giovani di altre gang. Riguardo ai due tentati omicidi, il primo risale al 9 febbraio 2020 in piazza Bottini e il secondo al 12 luglio successivo quando uno dei sette partecipanti al raid accoltellò ripetutamente un 23enne a bordo del filobus della linea 93 in via Valvassori Peroni.

ACCADE QUESTO QUANDO IMPORTI FIGLI DI BADANTI CON I RICONGIUNGIMENTI FAMILIARI TANTO AMATI DA VATICANO E FRATTAGLIE VARIE PER “TENERE INSIEME LE FAMIGLIE”. ECCO, QUESTE SONO LE ‘FAMIGLIE’:

La guerra delle gang insanguina ormai da anni le strade di Milano. Accoltellamenti, pestaggi e rivali gambizzati.

DOVE SONO E COME SONO ORGANIZZATE LE GANG DI LATINOS

Le gang più agguerrite

‘Ms13′ o ‘Mara Salvatrucha’, si è diffusa a Milano, in altre province lombarde e nella provincia di Novara. Hanno un ‘codice’ composto da un decalogo di regole, la cui infrazione può anche prevedere la pena di morte. Attivi nelle rapine da strada, nei furti e nello spaccio, gli Ms13 sono anche dotati di un violentissimo codice di iniziazione, che prevede per le donne l’obbligo di sottoporsi a uno stupro. I membri della gang si identificano attraverso un tatuaggio rituale e sono soliti contrassegnare i luoghi dove si riuniscono scrivendo sui muri la sigla della banda con la vernice spray.

I ‘Trinitarios’ sono invece una gang originaria di Santo Domingo che si ispira idealmente ai tre patrioti che resero indipendente la Repubblica Dominicana da Haiti, nel 1844. Ma a parte i richiami a presunti ‘padri nobili’, la gang è conosciuta per la sua ferocia e gestisce reati da strada come furti, rapine e spaccio di droga. Sono dotati di una struttura fortemente gerarchizzata: il codiceè’ nato nelle carceri statunitensi e si è poi diffuso anche in Europa, e si fonda su tre regole basilari, una “preghiera”, 7 “punti” e 21 “norme”. Per entrare a far parte della gang ci si sottopone a un violento pestaggio, e una volta dentro, il proprio ruolo nella gerarchia si riconosce attraverso collane di colore diverso. I Trinitarios, a differenza di altre gang simili, non ostentano tatuaggi, limitandosi a mostrare qualche volta il simbolo di una mano con tre dita aperte, che rappresenta tanto i tre presunti “patrioti fondatori” quanto la mimica della pistola.

CANI SVENTRATI PER RECUPERARE OVULI DI COCA

In tempi recenti, i ‘latinos’ sono balzati alla cronaca per un metodo di importazione della droga particolarmente crudele: nel 2013 gli inquirenti milanesi scoprirono che la cocaina arrivava nascosta nell’intestino di cani di grossa taglia, che una volta a destinazione venivano uccisi.

UNA SCIA DI SANGUE LUNGA QUATTRO ANNI

Luglio 2013: scoppiano le ‘guerre’ per il predominio in città: durante una rissa vengono arrestate 11 persone al ‘Parco Nord’ di Milano.
Settembre 2013: un altro duro colpo alla ‘Ms13′: 25 persone arrestate per rapine, lesioni, porto e detenzione d’armi.
Febbraio 2014: un giovane viene accoltellato e riprende la ‘guerra’
Luglio 2014: arrestati 13 ‘Trinitarios’. Aggressione a colpi di machete a due ferrovieri su un treno regionale.
Settembre 2014: nuovo blitz della polizia che porta all’arresto di 15 aderenti a ‘Barrio 18′ e “Ms13″

La stessa gang che terrorizza gli Stati Uniti.

E’ tempo di abrogare i ricongiungimenti familiari, Salvini: se Conchita e Mohammed vengono qui per lavorare – in quei pochi casi – non è necessario che si portino poi dietro tutto il clan. Ci vuole un’immigrazione limitata, selezionata e di lavoratori: non di famiglie allargate o presunte tali per ripopolare l’Italia. Di delinquenti e disoccupati: come le banlieus parigine da generazioni.

Ovviamente, sui giornali non vi diranno che sono figli di immigrati. Vi diranno che sono ‘milanesi’.

Sono i figli delle badanti, arrivati in Italia con i famigerati ricongiungimenti familiari tanto cari al Vaticano – e sappiamo tutti il perché – e al PD, e anche in questo caso, tutti sappiamo il perché:

Ecco i figli degli immigrati che con lo ius soli diventerebbero ‘italiani’ dalla sera alla mattina, e farebbero diventare ‘italiani’ anche i genitori:

Ah, e sia chiaro: con l’attuale legge, diventerebbero ‘italiani’ lo stesso, solo dovranno passare anni. Per questo dobbiamo tornare allo ius sanguinis, rastrellare le città e bonificarle e bloccare i ricongiungimenti familiari.

ACCADE QUESTO QUANDO IMPORTI FIGLI DI BADANTI CON I RICONGIUNGIMENTI FAMILIARI TANTO AMATI DA VATICANO E FRATTAGLIE VARIE PER “TENERE INSIEME LE FAMIGLIE”. ECCO, QUESTE SONO LE ‘FAMIGLIE’:

La guerra delle gang insanguina ormai da anni le strade di Milano. Accoltellamenti, pestaggi e rivali gambizzati.

DOVE SONO E COME SONO ORGANIZZATE LE GANG DI LATINOS

Le gang più agguerrite

‘Ms13′ o ‘Mara Salvatrucha’, si è diffusa a Milano, in altre province lombarde e nella provincia di Novara. Hanno un ‘codice’ composto da un decalogo di regole, la cui infrazione può anche prevedere la pena di morte. Attivi nelle rapine da strada, nei furti e nello spaccio, gli Ms13 sono anche dotati di un violentissimo codice di iniziazione, che prevede per le donne l’obbligo di sottoporsi a uno stupro. I membri della gang si identificano attraverso un tatuaggio rituale e sono soliti contrassegnare i luoghi dove si riuniscono scrivendo sui muri la sigla della banda con la vernice spray.

I ‘Trinitarios’ sono invece una gang originaria di Santo Domingo che si ispira idealmente ai tre patrioti che resero indipendente la Repubblica Dominicana da Haiti, nel 1844. Ma a parte i richiami a presunti ‘padri nobili’, la gang è conosciuta per la sua ferocia e gestisce reati da strada come furti, rapine e spaccio di droga. Sono dotati di una struttura fortemente gerarchizzata: il codiceè’ nato nelle carceri statunitensi e si è poi diffuso anche in Europa, e si fonda su tre regole basilari, una “preghiera”, 7 “punti” e 21 “norme”. Per entrare a far parte della gang ci si sottopone a un violento pestaggio, e una volta dentro, il proprio ruolo nella gerarchia si riconosce attraverso collane di colore diverso. I Trinitarios, a differenza di altre gang simili, non ostentano tatuaggi, limitandosi a mostrare qualche volta il simbolo di una mano con tre dita aperte, che rappresenta tanto i tre presunti “patrioti fondatori” quanto la mimica della pistola.

CANI SVENTRATI PER RECUPERARE OVULI DI COCA

In tempi recenti, i ‘latinos’ sono balzati alla cronaca per un metodo di importazione della droga particolarmente crudele: nel 2013 gli inquirenti milanesi scoprirono che la cocaina arrivava nascosta nell’intestino di cani di grossa taglia, che una volta a destinazione venivano uccisi.

UNA SCIA DI SANGUE LUNGA QUATTRO ANNI

Luglio 2013: scoppiano le ‘guerre’ per il predominio in città: durante una rissa vengono arrestate 11 persone al ‘Parco Nord’ di Milano.
Settembre 2013: un altro duro colpo alla ‘Ms13′: 25 persone arrestate per rapine, lesioni, porto e detenzione d’armi.
Febbraio 2014: un giovane viene accoltellato e riprende la ‘guerra’
Luglio 2014: arrestati 13 ‘Trinitarios’. Aggressione a colpi di machete a due ferrovieri su un treno regionale.
Settembre 2014: nuovo blitz della polizia che porta all’arresto di 15 aderenti a ‘Barrio 18′ e “Ms13″

La stessa gang che terrorizza gli Stati Uniti e che esporta clandestini e criminali attraverso il confine dove la sinistra americana non vuole un muro.

E’ tempo di abrogare i ricongiungimenti familiari: se Conchita e Mohammed vengono qui per lavorare – in quei pochi casi – non è necessario che si portino poi dietro tutto il clan. Ci vuole un’immigrazione limitata, selezionata e di lavoratori: non di famiglie allargate o presunte tali per ripopolare l’Italia. Di delinquenti e disoccupati: come le banlieus parigine da generazioni.

Ovviamente, sui giornali non vi diranno che sono figli di immigrati. Vi diranno che sono ‘milanesi’.

Brutali come i loro antenati maya e atzechi però. Perché tanto, alla fine, è tutto scritto nel sangue. I comportamenti si trasformano ma permangono.




2 pensieri su “Le gang di immigrati si prendono l’Italia: “Vi stiamo invadendo” – VIDEO”

Lascia un commento