Bambina va a denunciare stupro di gruppo e viene violentata anche dai poliziotti indiani

Condividi!

Orrore in India, dove un commissario di polizia è stato arrestato con l’accusa di aver violentato una ragazza di 13 anni che si era recata alla sua stazione di polizia per denunciare uno stupro di gruppo di cui era stata vittima.

VERIFICA LA NOTIZIA

Le autorità di polizia dello Stato dell’Uttar Pradesh hanno riferito alla stampa locale che il commissario è stato arrestato e che ventinove funzionari, presenti in questura al momento dell’aggressione sessuale, sono stati sospesi dalle loro funzioni.

In manette anche altre quattro persone, tra cui anche la zia della vittima.

La ragazzina appartiene alla comunità Dalit, “gli intoccabili”, emarginata dalle caste superiori e che incontra il più delle volte l’indifferenza della polizia.

Il padre della tredicenne ha raccontato che sua figlia è stata violentata il mese scorso, per diversi giorni, da quattro uomini.

Facciamoli venire in Italia. Integriamoli.




2 pensieri su “Bambina va a denunciare stupro di gruppo e viene violentata anche dai poliziotti indiani”

  1. Tra li loro possono essere razzisti se uno però dice indiani di merda, perché lo sono, sono sottospecie di scimmie subumane, poi siamo noi i razzisti ma affanculo va

  2. La ragazzina si armi e si addestri una volta divenuta adulta.Poi inizi in primis a dare fuoco alla caserma dove è stata violentata,con tutti i poliziotti dentro,poi vada a cercare i 4 sudicioni e li ammazzi come cani…Inizi a diventare la paladina delle donne stuprate uccidendo i bastardi.

I commenti sono chiusi.