ONG francese con 300 a bordo irrompe in acque italiani: “Migranti hanno il mal di mare”

Condividi!

Dopo dieci giorni in mare e dodici richieste di sbarco solo all’Italia, 294 clandestini prelevati in Libia dalla Ocean Viking in quattro diverse operazioni, “sono esausti”.

VERIFICA LA NOTIZIA

La nave ong si trova al largo delle coste siracusane. “Bloccare a bordo di una nave di soccorso naufraghi che hanno rischiato di morire in mare, senza assegnare loro un porto sicuro, è un atto vergognoso”, starnazza Luisa Albera, coordinatrice della ricerca e del salvataggio della famigerata Sos mediterranee, sotto inchiesta per avere scaricato in Italia rifiuti infetti.

“Insieme alle squadre Ifrc stiamo facendo del nostro meglio per prenderci cura di loro e alleviare le loro sofferenze, ma una nave è solo un rifugio temporaneo. Queste persone hanno urgentemente bisogno di sbarcare in sicurezza e ricevere ulteriore assistenza”.

Lunedì scorso le cattive condizioni del mare hanno causato mal di mare in oltre il 75% dei migranti. La maggior parte di loro ha dovuto assumere farmaci per limitarne gli effetti: “Fra persone già così vulnerabili, questo disturbo rappresenta un’ulteriore fonte di disagio psicofisico“.




3 pensieri su “ONG francese con 300 a bordo irrompe in acque italiani: “Migranti hanno il mal di mare””

  1. Ma se i “volontari” delle ong possono fare il cazzo che vogliono, allora possiamo pure noi!
    Chesso’, li aspetto sulla banchina e quando sbarcano posso annegarli oppure se c’e’ qualche volontaria passabile fotterla e lasciarla li o rivenderla, possiamo prendergli la bagnarola e giocare all’autoscontro con la guardia costiera-negriera…se ci fermano?Beh, siamo volontari!

I commenti sono chiusi.