Morto operaio romeno che lavorava nel villone del ministro Cartabia

Vox
Condividi!

L’oligarchia si arricchisce con gli immigrati. Hanno autisti, maggiordomi e altri lavoratori a basso costo. Per loro l’immigrazione è ricchezza, per gli italiani che potrebbero fare quei lavori, a stipendi migliori, è invece una tragedia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Vox

In base a una prima ricostruzione, l’operaio, Costantin Obanel, di 38 anni, originario della Romania. L’uomo, da quanto si apprende lavorava per una ditta di Gignod, che da pochi giorni aveva cominciato dei lavori di ristrutturazione del garage della villa della Cartabia: la vittima è rimasta schiacciata da una putrella. Sul posto l’elisoccorso, i vigili del fuoco e i carabinieri. La procura di Aosta aprirà un fascicolo per omicidio colposo.

Secondo quanto ha ricostruito il sito locale Aostasera, la vittima era al lavoro per l’impresa e la sua posizione lavorativa risulterebbe regolare. Le attività investigative proseguono con riferimento alla ricostruzione dell’esatto accaduto, tecnici e carabinieri si sono soffermati ripetutamente anche sullo scavatore presente davanti al garage dove si svolgevano i lavori. In particolare i lavori, intestati al marito della Guadasigilli, erano stati avviati il 27 aprile scorso e riguardano la manutenzione straordinaria dell’autorimessa dell’immobile




Un pensiero su “Morto operaio romeno che lavorava nel villone del ministro Cartabia”

I commenti sono chiusi.