Migranti sequestrano e seviziano coppia a Bergamo

Vox
Condividi!

Quattro persone sono state arrestate dai carabinieri con l’accusa di aver sequestrato un uomo e una donna a Romano di Lombardia, in provincia di Bergamo. Un cittadino marocchino di 42 anni è finito in carcere, mentre un connazionale e due cittadini tunisini sono agli arresti domiciliari. Le misure sono state emesse dal gip del Tribunale di Bergamo su richiesta della Procura di Bergamo. Gli scorsi 15 e 16 marzo a Romano di Lombardia due cittadini marocchini, un uomo di 21 anni e una donna di 35, sono stati sequestrati, legati e seviziati per quasi un giorno intero perché accusati di aver derubato una degli indagati di 16mila euro, denaro ritenuto dagli inquirenti di dubbia provenienza.

Le vittime, 21 e 35 anni marocchini, e all’origine c’è un furto di 16 mila euro subito da parte degli indagati. Convinti che a rubare i soldi fosse stata la 35enne marocchina, loro padrona di casa, hanno organizzato una trappola. L’hanno attirata con una scusa in un appartamento di Romano tra il 15 e il 16 marzo scorsi. Lei si è presentata con il 21enne ed entrambi sono finiti legati e seviziati per quasi un giorno. Dopo essere state legate e seviziate, le due vittime, sono state lasciate momentaneamente sole e sono riuscite a slegarsi e a fuggire calandosi da una finestra. I quattro accusati del sequestro sono stati quindi arrestati.

Vox

A distanza di 24 ore, approfittando del fatto che erano stati lasciati momentaneamente da soli, i due sono riusciti a slegarsi e a sfuggire calandosi da una finestra. I carabinieri di Treviglio, raccolta la loro denuncia, hanno ricostruito la vicenda e catturato i quattro sospettati. Il marocchino in carcere, 42 anni, è l’affittuario dell’appartamento di Romano dove è avvenuto il sequestro. La somma di denaro, invece, era sparita alla donna.

Migranti sequestrano e seviziano coppia