Mariupol, donna torturata con una svastica sul ventre nella base dei nazisti ucraini – FOTO

Condividi!

I media italiani sono sempre eccitati per l’apparizione di svastiche. Basta che qualcuno ne disegni una anche sul muro di una strada di periferia, magari al contrario, e subito ne parlano tutti.

Invece, ora che ne è apparsa una, disegnata col sangue, sulla pancia di una donna stuprata a Mariupol, non ne parlano neanche. Zero.

Pensate, se qualcuno disegnasse una svastica sul portone di casa della Segre, sarebbe un nuovo olocausto. Se invece un reporter italiano fotografa una mostruosità simile, non se ne deve parlare. I motivi sono evidenti, inutile parlarne.

Nel sotterraneo di una scuola di Mariupol utilizzata fino a pochi giorni fa come base dal battaglione Azov ho fotografato insieme ad un collega il corpo esanime di una donna – la cui identità è per il momento ignota – a cui sono state inflitte numerose torture. Sul ventre della donna – tra i trenta e quaranta anni – c’è una svastica realizzata tramite numerose ferite da taglio ed evidenti ustioni.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sul basso costato della donna si nota un ematoma da compressione con la forma di uno scarpone: il particolare suggerisce che le torture siano state inflitte mentre la donna era viva e che i torturatori fossero almeno due. Le braccia della donna sono state legate dietro la sua schiena con del nastro isolante: il particolare non è visibile in questa foto, ma osservabile dal fianco sinistro della donna. Il sacco di plastica ed il nastro isolante sul collo della donna suggeriscono che sia stata uccisa per soffocamento.

Nota: La descrizione che ho riportato sintetizza le mie impressioni e quelle del mio collega su quanto è stato possibile osservare sul posto, impressioni sottoposte al giudizio di esperti di medicina legale che ne hanno visionato il materiale fotografico. Ho evitato di specificare di quale scuola si tratti per ragioni di sicurezza ed ho voluto intenzionalmente sfocare una parte della foto. Ho evitato, fino ad oggi, di mostrare immagini particolarmente cruente e di soffermarmi in descrizioni di questo tipo, nonostante il contesto. Ritengo superfluo esplicitare i motivi di questa eccezione. Al momento non ho a disposizione altre informazioni sulla vicenda.




13 pensieri su “Mariupol, donna torturata con una svastica sul ventre nella base dei nazisti ucraini – FOTO”

  1. La propaganda atlantista ha fatto leva sul sentimento nazionale elevando come eroe banderas che fu un nazista ucraino.
    ha costuito un personaggio dal nulla,zelensky che era capace di parlare alla pancia del popolo che denunciava corruzione e malaffare.un esempio paragonabile al m5s che poi appena presi i voti si sono rivelati per quelli che sono.
    lo stesso dicasi per salvini e meloni,prima no euro no europa,dopo si euro si europa e si all’esercito europeo.

I commenti sono chiusi.