Lamorgese: blocco navale è atto di guerra, l’invio di armi in Ucraina no

Condividi!

La Lamorgese al Comitato Shengen ha ripetuto ancora che per l’emergenza sbarchi non sarebbe praticabile il blocco navale.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Assolutamente no”, ha detto, “il blocco navale è un atto di guerra come ben sa chi lo propone”.

Quindi, nel mondo di Lamorgese e del governo Draghi, inviare armi all’Ucraina non è un atto di guerra: lo è bloccare l’arrivo dei clandestini in Italia.

Diciamo, semmai, che sarebbe un atto di guerra contro il business dell’accoglienza, che si vedrebbe sparire tutti i clienti in un botto solo. Clienti che invece vedrà moltiplicare con l’invio di armi all’Ucraina.




14 pensieri su “Lamorgese: blocco navale è atto di guerra, l’invio di armi in Ucraina no”

I commenti sono chiusi.