🚨RUSSIA ANNUNCIA RIDUZIONE OSTILITA’ VERSO KIEV IN VISTA RESA ZELENSKY🚨

Vox
Condividi!

Kiev pronta a rinunciare all’ingresso nella Nato e accettare la neutralità. In pratica la richiesta di Putin prima della guerra. Per il resto, difficile Z. possa avere la forza di rinunciare ufficialmente a Donbass e Crimea. Saranno russe de facto.

Il ministero della Difesa russo ha deciso di ridurre drasticamente le ostilità nelle direzioni di Kiev e Chernigov, ha affermato il viceministro della Difesa Alexander Fomin.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Poiché i negoziati sulla preparazione di un accordo sulla neutralità e lo status non nucleare dell’Ucraina , nonché sulla fornitura di garanzie di sicurezza all’Ucraina, stanno entrando in un momento cruciale, tenendo conto dei principi discussi durante la riunione odierna , dal Ministero della Difesa della Federazione Russa al fine di accrescere la fiducia reciproca e creare le condizioni necessarie per ulteriori negoziati e per raggiungere l’obiettivo finale di concordare la firma dell’accordo di cui sopra, è stata presa la decisione di ridurre drasticamente l’attività militare nella direzione di Kiev e Chernigov”, ha detto Fomin ai giornalisti.

In pratica riducono gli attacchi a Kiev in vista della resa di Zelensky alle richiesta russe: riconoscimento Crimea e Donbass russi, neutralità e demilitarizzazione. Le ostilità permangono nella parte di Ucraina russofona che Putin vuole annettersi.

Vox

L’obiettivo non è mai stato assaltare Kiev, ma conquistare l’Ucraina orientale e con la presenza militare imporre a Kiev la neutralità.

Putin è interessato ai territori abitati da russofoni. Non avrebbe senso occupare zone abitate da popolazione ostile da tenere sotto con una occupazione permanente. Molto più semplice prendersi metà Ucraina e tenere l’altra sotto scacco coi militari in casa, imponendo così la neutralità. Il massimo risultato possibile.

Resta il fatto che Z. verrebbe linciato dai suoi se accettasse una cosa simile.




8 pensieri su “🚨RUSSIA ANNUNCIA RIDUZIONE OSTILITA’ VERSO KIEV IN VISTA RESA ZELENSKY🚨”

    1. Stai sereno – gli Ucri hanno presentato le solite richieste irricevibili. Finisce solo quando ce lo comunica ufficialmente Zio.

        1. Ci vuole pazienza in una “partita” simile: i Russi avevano uno svantaggio numerico importante e hanno quindi dovuto “manovrare” per ottenere il tipo di fronte che desideravano (ecco perchè definivo la strategia come “Rush B”, bisogna correre verso gli obiettivi strategici tenendo impegnata la maggior parte delle forze nemiche a difesa di obiettivi ritenuti sensibili ma che non verranno effettivamente attaccati durante questa fase. Ora che Mariupol è caduta possono smontare le loro varie finte a salvaguardia dell’obiettivo principale della fase 1.

          1. Ho “fede”: il coreano dice (testuali parole) “Exciting things are coming! Groundbreaking! Have a smile! Always see the bright side to life!”

I commenti sono chiusi.