Folla assalta supermercati, scaffali vuoti: pasta e zucchero razionati – FOTO

Condividi!

Paura sanzioni in Campania.

VERIFICA LA NOTIZIA

Incetta di pasta e farina ma anche di prodotti in scatola ed olio in molti supermercati di Napoli e nel resto della Campania. In diverse zone lunghe le file che si sono formate, sia all’ingresso che alle casse. Difficile anche trovare i carrelli per la spesa. La psicosi ‘guerra’ e dei rincari ha fatto sì che molti scaffali si svuotassero nel giro di poche ore. La corsa agli acquisti, parlando con i consumatori in fila, è stata scatenata sia dal timore del venir meno degli approvvigionamenti (come per l’olio di semi di girasole il cui prezzo è anche notevolmente aumentato) a causa della guerra che da un possibile rincaro eccessivo del prezzo dei prodotti a causa del rialzo del costo dei carburanti.
In alcuni supermercati sono comparsi cartelli che indicano un limite massimo di prodotti che si possono acquistare come farina, olio di semi, olio di oliva, pasta, zucchero. E questo per evitare episodi di accaparramento. Ad aumentare la tensione le notizie sul fermo degli autotrasportatori a partire da lunedì con il timore del venire meno di prodotti di prima necessità.
Tra gli effetti più vistosi di una situazione difficile il continuo aggiornamento al rialzo del prezzo dei carburanti con il gasolio che in molti casi ha già raggiunto o superato quello della benzina.
A Ischia, come segnala il Codacons che annuncia esposti alle Procure, il prezzo della benzina ha raggiunto i 2,629 euro per litro.

Però in Campania arrivano gli ucraini:

EPIDEMIA COLPOSA: 20% UCRAINI ARRIVATI IN ITALIA E’ POSITIVO




8 pensieri su “Folla assalta supermercati, scaffali vuoti: pasta e zucchero razionati – FOTO”

  1. Ho fatto la spesa ieri mattina ed era tutto regolare. Qualche ansioso col carrello un po’ più gonfio, ma parliamo di non più di un paio di signore di mezza età (peraltro entrambe molto eleganti, ammesso che abbia qualche rilevanza).

    Secondo me è gente con poca capacità di organizzare i propri pensieri. Esempio: ammesso che si verifichino problemi (probabile, visto che è tra gli obiettivi dei decisori), cosa te ne fai di una carrellata di pasta che magari finiresti per non poter cuocere, o di surgelati che finiresti per buttare? Prepararsi per un periodo di penuria significa ben più che riempire il carrello un paio di volte, significa stravolgere completamente il proprio modo di vivere, incluso il trasferirsi in luoghi nei quali normalmente non metteresti piede. Significa acquisire competenze per le qusli ci vogliono anni di prove ed errori. Non è facile.

    1. Anni? Ohh vedrai che con la carestia che verrà impareranno in pochi mesi a contendersi le castagne del bosco con gli ungulati 😆

I commenti sono chiusi.