F1 razzista, scuderia Haas licenzia pilota Mazepin perché russo

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Le voci che giravano da alcuni giorni sono diventate ufficiali: la Haas ha licenziato il pilota russo Nikita Mazepin e ha rescisso anche il contratto con lo sponsor principale, l’azienda chimica Uralkali, di proprietà del padre dello stesso Mazepin.

Le motivazioni sono chiare da tempo, ma il comunicato del team non lascia spazio a dubbi: “La Haas ha deciso di terminare con effetto immediato il rapporto con Uralkali e il contratto di Nikita Mazepin. Come l’intera comunità della F1”, si legge nelle poche righe dell’annuncio, “siamo colpiti e rattristati dall’invasione dell’Ucraina e speriamo in una veloce e pacifica conclusione del conflitto”. Al posto di Mazepin la Haas dovrebbe ora comunicare l’ingaggio di Pietro Fittipaldi – nipote del due volte iridato Emerson – al posto del russo.




3 pensieri su “F1 razzista, scuderia Haas licenzia pilota Mazepin perché russo”

  1. Poi i razzisti SARESSIMO noi? Affanculo per una F1 di merda che prende i soldi da principi arabi che sgozzano giustamente froci, e che impediscono ai cristiani di indossare un crocifisso, una volta in F1 c erano belle fighe ora solo ricchionazzi di merda

I commenti sono chiusi.