AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Offensiva in Ucraina imminente, Putin: “Fatto il possibile per soluzione pacifica”

Vox
Condividi!

Nella crisi con l’Ucraina “vorrei sottolineare che, sin dall’inizio, la Russia ha fatto tutto il possibile per aiutare a risolvere tutte le questioni emergenti attraverso mezzi pacifici, in modo pacifico”. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, parlando durante una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale convocato al Cremlino, in un riferimento alla situazione nel Donbass.

*E’ GUERRA: ESERCITO RUSSO UCCIDE 5 MILITARI UCRAINI CHE SCONFINANO: DISTRUTTI BLINDATI*

Joe Biden “mi ha detto che una moratoria di qualche tipo è possibile” sull’adesione dell’Ucraina alla Nato, che non sarà accettata domani”, ma questa “non è una moratoria per noi, non è una concessione a noi, è una moratoria per loro”, ha detto ancora Putin sottolineando che la moratoria “semplicemente riflette la realtà, che l’Ucraina non è pronta”.

*BOMBARDAMENTO UCRAINO DISTRUGGE POSTO DI FRONTIERA IN RUSSIA* – VIDEO

Vox

Il presidente russo afferma inoltre che sta considerando la richiesta del riconoscimento dell’indipendenza delle repubblica separatiste nell’est dell’Ucraina. “Il proposito di questo incontro è di sentire i colleghi per determinare i nostri prossimi passi – ha detto – compreso l’appello da parte dei leader delle repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk alla Russia per il riconoscimento della loro sovranità e la risoluzione della Duma sulla stessa questione”.

I leader delle autoproclamate repubbliche hanno rivolto oggi un appello congiunto a Putin, destinato a rendere ancora più infiammata la situazione dell’Ucraina orientale:

DONBASS SI APPELLA A PUTIN: CHIEDONO RICONOSCIMENTO UFFICIALE

“Il riconoscimento di Luhansk permetterà di evitare la perdita di vite tra i cittadini della repubblica, 300mila dei quali hanno cittadinanza russa”, ha detto il leader della repubblica di Luhansk, Leonid Pasechnik, in un video trasmesso dalla televisione di stato russa. Anche il leader di Donetsk, Denis Pushilin, ha rivolto, sempre parlando alla televisione russa, un appello a Putin per il riconoscimento e per un trattato di amicizia e assistenza militare con la Russia. Questo permetterebbe a Mosca di avere migliaia di militari nei territori della repubblicana, come è successo nell’Ossetia del Sud e dell’Abkhazia che la Russia nel 2008 ha riconosciuto come indipendenti dalla Georgia.




2 pensieri su “Offensiva in Ucraina imminente, Putin: “Fatto il possibile per soluzione pacifica””

  1. E’ verosimile che Putina si limiterà a riconoscere l’indipendenza delle due regioni orientali, come, del resto, la Turchia riconosce Ciprio del nord, e nessuno è mai andato a bombardare, come si meriterebbe, le posizioni militari turche sull’isola.
    Poi la palla passerà agli ucraini, se riconoscere il fatto compiuto, o, tentare un colpo di mano confidando nell’ipotetico aiuto occidentale.
    Con i criminali al potere di Settore Destro, tra cui il picchiatore ora sindaco di Kiev, mi aspetto un colpo di mano nonostante gli ormai chiari segnali da parte occidentale che non c’è unità, né intenzione, di morire per Donesk e Lugansk.

I commenti sono chiusi.