Migrante sbarcato in Italia: “Si sta male, sono pieno di brufoli” – VIDEO

Condividi!

Il Pd ha riaperto centinaia di centri di accoglienza chiusi da Salvini, che ora pensa di farci un governo insieme, aumentando di nuovo la diaria per gli immigrati e le coop. Facendo ripartire così il business.

Era inevitabile: il Pd e le Coop sono la stessa cosa.

Dicono di farlo perché i poveri migranti nigeriani e pakistani fuggono dalla disperazione. In realtà fuggono dai problemi di acne. Così si lamentava un ‘profugo’ appena sgomberato da Salvini. Con il Pd-M5s si è fatto le cure di bellezza a spese vostre.




10 pensieri su “Migrante sbarcato in Italia: “Si sta male, sono pieno di brufoli” – VIDEO”

    1. questi vogliono andare via dall’Italia
      ma non li lasciano andare
      perche devono fare numero
      per islamizzare l’Italia, (sogno di Mussolini)

      Capite che 1 milione di islamici, non bastano per islamizzare 60 milioni di italiani.
      ed hanno un peso politico, minore di Forza Nuova.

      Ne servono almeno 20 milioni.

      1. E’ vero, Mussolini pare fosse islamofilo. Ma di fatti non ho stima di questo personaggio, che ha fatto dell’ambiguità e dell’incoerenza il suo segno distintivo. Era un opportunista, infatti ricordiamoci che ha usato la massoneria per andare al potere, però poi nel 1928, se non ricordo male, mise fuorilegge le logge massoniche.

        1. tutto quello che viene detto in merito alla storia ufficiale, sono verita mistificate, se non proprio dei falsi.

          Il fatto che Mussolini fosse un islamofilo ad esempio, non te lo dira nessuno.
          Ed in realta lo era anche Hitler, il quale considerava la religione islamica, una religione per uomini veri.

          1. ”Niente è così stupido e poco italiano come l’intolleranza, il disprezzo preconcetto verso gli stranieri, e il volersi chiudere nel guscio.”
            È una dichiarazione di un esponente del piddì? No, è di Berto Ricci, un fascista (”Lo scrittore italiano”, Ciarrapico, Roma, 1984, p. 23).

            Caronte lo scrive per ischerzo, ma è vero: le radici profonde della Decadenza sono nel fascismo.
            I fascisti erano favorevoli a trasformare l’Italia in una nuova Babilonia.
            Fascisti e piddini, sono tutti universalisti. Due facce della stessa medaglia.
            E ancora: ”A questo nome d’italiano io non credo debba assegnarsi un significato di nazionalismo stretto, anzi all’opposto un suono imperiale e di generosa umanità. Non sta agli uomini di Mussolini essere nazionalisti, come sono i galli degenerati: né si può fondare e spargere una civiltà se non si è universali.” (pagina 19, grassetto mio)

          2. tutto giusto

            pero ad i vertici del potere,
            ci sono uomini ricchissimi e potenti

            Questi possono essere uomini di destra
            o comunisti di sinistra?

          3. Secondo Berto Ricci il fascismo è ”un moto cosmopolita come sono le cose d’Italia, assimilatore e unificatore di popoli”, la cui missione ”non è quella di contrapporsi ai barbari ma di farli cittadini.”
            Manifesto realista, L’Universale, 10 gennaio 1933; grassetto mio.
            Da notare: prima parla di intolleranza e disprezzo verso le altre culture, poi di assimilazione e unificazione cogli altri popoli.

            La vera dicotomia non è fascismo/antifascismo, ma nazionalismo/universalismo.

            Gl’imperialisti hanno cambiato nome, fino al ’43 si chiamavano fascisti, oggi si chiamano europeisti/globalisti, ma l’idea di fondo è sempre la stessa: lo stato universale.

            Matteo Salvini e il suo partito hanno un mucchio di difetti. Tuttavia, la Lega è l’unico partito nazionalista in circolazione. La Lega è l’unico partito favorevole al servizio militare. E la Shoah insegna quanto sia importante che un popolo abbia le proprie forze armate nazionali con cui difendersi.

          4. @Quintus Caedicius
            Berto Ricci era un anarchico non meno di Andrea Costa. E fu fondatore e direttore di una rivista dal titolo emblematico: L’Universale. Aveva una visione sua del Fascismo, per l’appunto di estrema sinistra, che peraltro fu la componente del Fascismo originario, quello sansepolcrista. Questo per dire che chi è conservatore e identitario (come il sottoscritto) non potrà mai avere simpatie per il Fascismo, che è un’ideologia che peraltro aveva anche una forte componente futurista che intendeva creare “l’uomo nuovo”. Ma a stento può solo riconoscergli di aver impedito l’ascesa del Bolscevismo in Italia e l’aver adottato misure in campo sociale ed economico apprezzabili, e che furono quelle che favorirono il boom economico degli Anni Sessanta. Per non parlare poi della Riforma Gentile sull’istruzione, la migliore che abbiamo avuto in Italia, purtroppo affossata dal Sessantotto.

            @Caronte
            Ma vedi, del Fascismo e del Nazismo, ai servi della dittatura liberalprogressista fa comodo elencarne i soli elementi negativi, perché altrimenti la loro narrativa fasulla di un mondo “perfetto” crollerebbe all’istante.

          5. Si ma dipende da quale fascismo o comunismo parliamo.

            Voi intendete quelli del popolino,
            che in realta non conta nulla
            (benche da secoli sono illusi del contrario).

            Io intendo quello del vero potere che controlla tutti e tutto
            ed e’ una ideologia che riguarda l’elite

            Il fatto che sia le destre di Mussolini ed Hitler,
            che le sinistre di oggi,
            vogliano entrambi islamizzare il mondo,
            vi dovrebbe far capire cosa intendo.

  1. In “Terra”, di Stefano Benni, l’equipaggio dell’astronave dei Giapponesi è formato da 24 topi ninja che in casi di insubordinazione vengono sciolti nella coca cola come punizione.
    Questi li potremmo annegare nel topexan?

I commenti sono chiusi.