Il Prefetto di Lamorgese vuole dare le case degli italiani agli immigrati abusivi

Condividi!

Pensate. Un prefetto che vuole assegnare le case degli italiani – quelle confiscate che potrebbero ospitare tante coppie italiane senzacasa – agli immigrati abusivi che lavorano, anche, per la moglie dell’ex prefetto di Lamorgese.

Ricordiamo intanto la moglie:

Moglie prefetto Lamorgese confessa: “Ci servivano per raccogliere l’uva”

Se vuoi assumere un immigrato, lo devi pagare abbastanza perché possa mantenersi. Non è che tu sfruttatore lo prendi per quattro soldi e poi l’alloggio lo forniscono i contribuenti grazie all’intervento di burocrati che parassitano lo Stato come gli immigrati.

“Verrà smantellata la tendopoli per migranti di San Ferdinando”.

Lo ha detto all’ANSA il Prefetto di Reggio Calabria, Massimo Mariani, dopo avere concluso un giro di consultazioni con la Regione ed i Comuni di San Ferdinando e di Gioia Tauro e sentite le organizzazioni che si occupano di assistenza ai migranti.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Aspettiamo – aggiunge Mariani – che la Regione metta a disposizione i fondi per varare un progetto di accoglienza e di residenza basato sull’utilizzo di alcuni beni confiscati. L’idea di fondo resta quella di offrire strutture di residenza che garantiscano la giusta dignità ai migranti. Strutture edili da ripristinare e trasformare in foresterie, con la disponibilità dei servizi essenziali.”.
La situazione nella tendopoli, intanto, si fa sempre più esplosiva e pericolosa. Nella struttura, in cui sono state realizzate abusivamente anche alcune baracche in legno, vivono attualmente, secondo stime della Polizia, 350 migranti africani rispetto a una capienza massima fissata in 300 persone. La quasi totalità dei migranti sono impegnati in lavori agricoli, mentre altri sono impegnati in attività di fortuna.
Il prefetto Mariani, nel frattempo, si è impegnato per garantire nella tendopoli un presidio permanente di forze dell’ordine e dei vigili del fuoco, grazie all’intervento dei quali é stato possibile evitare che i numerosi incendi scoppiati negli ultimi tempi nella struttura si trasformassero in tragedia.

Il presidente Roberto Occhiuto, da parte sua, ha garantito che “la Regione Calabria é pronta a fare la sua parte” perché la tendopoli venga rimossa, aggiungendo che “ha fatto bene il prefetto Mariani ad annunciare l’imminente smantellamento della struttura. Non è accettabile – ha aggiunto Occhiuto – che nel 2022 possa ancora esistere un luogo nel quale non viene assicurata la legalità, la dignità dell’individuo e la possibilità di una normale convivenza civile”.

La tendopoli va smantellata. Anzi: non doveva nemmeno nascere. Ma gli occupanti abusivi si devono mantenere da soli, se possono, oppure togliersi dai coglioni. Perché significa che in Italia non ci devono stare.

Ma se voi burocrati di Stato – parassiti – continuate a rifornire i sedicenti imprenditori di immigrati raccattati da altri stipendiati di Stato, allora questi non pagheranno mai italiani per fare questi lavori. Perché gli italiani dovrebbero essere pagati coi soldi necessari anche all’affitto di una casa.

Lo Stato fa schifo. Totalmente schifo. E’ al servizio di ladri, sfruttatori e criminali.




Un pensiero su “Il Prefetto di Lamorgese vuole dare le case degli italiani agli immigrati abusivi”

  1. Scaricano un flusso ininterrotto di negri.
    Hanno ghettizzato una ampia fetta di popolazione nella fascia più produttiva di reddito.
    Hanno (non si sa se volontariamente o meno) imposto alla gente un trattamento sperimentale totalmente inutile nei confronti della presunta minaccia da cui dovrebbe proteggere e che secondo i dati dell’esercito americano triplica “anno su anno” i rischi di cancro. E meno male che gli americani non guardano il calcio, altrimenti sospetterebbero anche di qualche infartino.
    Nel frattempo hanno completamente distrutto quel che restava del tessuto economico “locale”, la ristorazione, il turismo eccetera.
    E questi sono solo i successi più eclatanti.

I commenti sono chiusi.