Auto nordafricani contro bus: nessuna delle 5 vittime aveva la patente

Condividi!

Nessuno dei cinque giovani morti sabato sera nell’auto che si è schiantata contro un pullman a Rezzato, nel bresciano, aveva la patente.

VERIFICA LA NOTIZIA

Alla guida c’era il ventiduenne nordafricano Salah Nadiq, il più grande del gruppo. Il padre ha spiegato al Giornale di Brescia: “Mio figlio non aveva la patente, nemmeno suo cugino che era a bordo dell’auto e anche il terzo amico marocchino”.

Non aveva ovviamente la patente Irene Sala, che aveva 17 anni, e nemmeno il 19enne Dennis Guerra che, nel 2007, aveva perso un cugino di 18 anni morto anche lui in incidente stradale. Il gruppo viaggiava su un’auto prestata da un amico.

Gli immigrati si integrano solo con le componenti disadattate della società italiana.

I cinque morti viaggiavano tutti sull’auto. Sono Dennis Guerra, 20 anni di Sabbio Chiese, El Harram Imad, anche lui ventenne, residente a Preseglie; Natiq Imad, 20 anni, residente a Pertica Bassa; Natiq Salà, 22enne residente a Vestone e Irene Sala, 17 anni, di Villanuova sul Clisi.

Potevano fare una strage anche di innocenti che non erano con loro. Sono bombe ad orologeria.

Educate i vostri figli. Non permettete che frequentino individui senza patente.




4 pensieri su “Auto nordafricani contro bus: nessuna delle 5 vittime aveva la patente”

I commenti sono chiusi.