Stuprata in ascensore dal solito nordafricano a Milano

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Ancora nella zona di Milano. Vera e propria cloaca multietnica.

I carabinieri di San Donato Milanese hanno fermato un 31enne, extracomunitario di origine magrebina, senza fissa dimora ritenuto responsabile di violenza sessuale e rapina commessi lo scorso 21 dicembre a Segrate, ai danni di una 40enne del luogo.

L’indagine è scaturita dalla segnalazione della donna che quella sera, intorno alle 23.30, stava rientrando a casa quando a un tratto, dopo avere parcheggiato l’auto in garage, è stata avvicinata, nell’ascensore del condominio, da uno straniero che, dopo averla percossa e minacciata di morte l’aveva costretta a subire un rapporto sessuale. Nella circostanza l’uomo le aveva anche rapinato il cellulare e la somma di 30 euro.

La vittima, in stato di choc, è riuscita successivamente a rientrare a casa e a chiamare i carabinieri i quali sono subito accorsi per raccogliere il suo racconto attivando le indagini, partite dalla descrizione fornita dalla donna e
dall’analisi delle telecamere di videosorveglianza della zona. In particolare, per incastrare il 31enne sono risultate decisive le impronte trovate nella cabina dell’ascensore e sugli abiti della vittima.




7 pensieri su “Stuprata in ascensore dal solito nordafricano a Milano”

  1. dobbiamo eliminare le merde occidentali che prendono posizione nel difendere queste merde in alternativa non finirà mai

I commenti sono chiusi.