La madre snaturata confessa: “Il mio marocchino l’ha buttata di sotto”

Condividi!

A certi individui andrebbe impedito di riprodursi.

VERIFICA LA NOTIZIA

La mamma di Fatima Skika, la bambina di soli tre anni caduta dal balcone del quarto piano di un appartamento a Torino, ora accusa il compagno, il 32enne marocchino Mohssine Azhar: “È stato lui, l’ha buttata di sotto”. Secondo quanto riportato dal Messaggero, Lucia Chinelli, questo il nome della 41enne, dopo aver parlato con il suo legale ha cambiato la sua versione iniziale e ha indicato il compagno come responsabile della morte della sua bambina. L’uomo era stato fermato e portato in procura la notte stessa in cui Fatima aveva fatto il volo di circa 12 metri. Mohssine era stato accusato di omicidio colposo dal gip dopo che aveva parlato di un gioco finito male: secondo il suo racconto stava giocando con la bambina, per lui come una figlia, lanciandola in aria e poi riprendendola. Adesso però la nuova versione della mamma di Fatima potrebbe cambiare tutto.

Il 32enne aveva inizialmente detto che la porta del balcone era aperta e che non si era accorto che la bimba fosse uscita. In seguito aveva però ammesso che stava giocando con lei e che a un certo punto la piccola è caduta: “La stavo facendo volare in aria per poi riprenderla, ma mi è scivolata dalle mani. Mi ero sporto perché stavamo salutando la mamma che era rimasta sull’altro balcone. E poi ho perso la presa”. Fatima sarebbe quindi caduta al suolo davanti agli occhi della sua mamma che la stava guardando dal piano di sotto e che non ha potuto fare nulla per salvarla. La versione della donna è però diversa. “Ero anch’io di sopra. Una prima volta lui ha preso la bambina e l’ha buttata per terra, sul pavimento. Lui era molto alterato. Poi l’ha presa in braccio un amico di lui, me la stava portando. Lui si è messo in mezzo e l’ha buttata di sotto”, ha raccontato la donna.




7 pensieri su “La madre snaturata confessa: “Il mio marocchino l’ha buttata di sotto””

  1. Sicuramente se era italiano lo avrebbe accusato fin da subito. Già l’autorazzismo di queste donnacce che la danno ai sifilitici afroislamici è palese. Per cui la disparità di atteggiamento è scontata. Una conseguenza.

    Possono essere “libbere” e promiscue quanto vogliono. Quando si accoppiano con gli afroislamici sono sottomesse e si fanno trattare come la spazzatura. Invece quando si accoppiano con noi fanno tutte le ribelli. Direi che c’è qualcosa che non torna…

    E comunque, è giusto che avendo questa già scopato e figliato con un magreba, continui a frequentare altri magreba e feccia similare.

I commenti sono chiusi.