Aumenta numero vittime stupri di Capodanno a Milano, questore: “No a paragoni con Colonia”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il questore Giuseppe Petronzi interviene sugli stupri etnici di massa di Capodanno a Milano: «Fatti gravi ma non paragonabili a Colonia, qui la cornice era diversa. Avevamo un servizio di ordine pubblico per vigilare sui festeggiamenti: è stato usato un metodo subdolo, nuovo per noi, non per altre città europee».

Un metodo subdolo? Basta guardagli in faccia, e li sgomberi. Come avete fatto coi no-green-pass. Perché i nordafricani hanno potuto occupare la piazza? Perché:

Stupri Milano, magistrato confessa: “Stupratori lasciati fare perché africani”

Il questore di Milano dichiara che un servizio di ordine pubblico c’era eccome e che per garantire la sicurezza della piazza era stato deciso di «perimetrare l’area centrale lasciandola libera anche per non favorire eccessiva presenza di persone». E aggiunge: «Il personale ha progressivamente allontanato giovani esagitati, anche ragazzi noti grazie ai numerosi servizi svolti in questi mesi in centro». Ma qualcosa è senza dubbio andato storto. E questo, secondo il questore, anche a causa di una tecnica utilizzata dai branchi di molestatori che avrebbero provocato difficoltà persino «agli stessi autori dei video consegnati agli inquirenti. Sono riusciti solo dopo a realizzare cosa fosse realmente accaduto e cosa avessero documentato».

Non sono giovani. Sono bestie nordafricane a caccia di prede. E’ questo che non entra nella vostra testolina di burocrati a caccia di bandiere proibite.

«In pochissimo tempo i branchi hanno realizzato delle “nuvole” attorno alle vittime, in un contesto di euforia e forte rumorosità. Schermati prima dalla folla in movimento e poi fuggendo confusamente». Un fenomeno che il questore definisce del tutto nuovo per Milano «al contrario di quanto già succede in molte città europee».

L’urgenza allora è riuscire a intercettare in modo tempestivo qualsiasi tecnica di molestia utilizzata: «Per fare questo sarà necessario ripensare la nostra presenza in piazza», dichiara Petronzi, «perché il loro metodo è molto subdolo. La soluzione sarà un contrasto di più alta “densità” al fine di riuscire ad essere ancora più capillari. Dobbiamo riuscire a disinnescare chi vuole avvalersi di una “nuvola criminale”. Alcune vittime dicono che nel giro di 15-30 secondi la polizia è comunque intervenuta».

Stupri Capodanno, altra vittima italiana: “30 nordafricani sopra di me e Polizia li lasciava fare” – VIDEO

Stupidaggini. Sono ‘nuove’ perché nuova è la presenza di chi le fa. E allora c’è una sola e unica soluzione, che non è ‘intercettare gli stupratori in piazza’: è non farli entrare in Italia. Stop ricongiungimenti familiari e immigrazione legale. Gli industrialotti del cazzo inizino a meccanizzare e pagare di più gli italiani, non siamo qui per rifornirli di fottuti cartongessisti africani che poi stuprano in piazza.

Sono almeno dieci le vittime che finora hanno denunciato gli abusi sessuali. Ma in base alle testimonianze raccolte, gli inquirenti ritengono che nella notte di Capodanno a Milano, in piazza Duomo e dintorni, vi siano stati almeno altri due raid nei quali “bande” di circa cinquanta giovani, tra i 16 e i 25 anni di età, hanno molestato pesantemente e poi violentato almeno un’altra ragazza, una turista inglese, presa di mira anche lei dal branco durante i festeggiamenti intorno alla statua di Vittorio Emanuele II e in galleria. Tutte le giovani sarebbero state aggredite, rapinate, spintonate e poi abusate in gruppo, seguendo sempre lo stesso schema.

Le aggressioni registrate a Capodanno a Colonia, nel 2016, da parte di gruppi di immigrati dell’Africa e dei Paesi arabi hanno avuto circa 80 donne come vittime. Anche in quel caso, come a Milano, le denunce sono arrivate gradualmente e non immediatamente dopo i fatti.

“Scene indegne, che suscitano un senso di rabbia, angoscia e di orrore, quelle riportate nell’ordinanza del gip e che riguardano la notte di violenze in piazza del Duomo a Milano ai danni di alcune sventurate ragazze, vittime di un gruppo di selvaggi, di facinorosi aggressori islamici di origine nordafricana, che meriterebbero prima di marcire in carcere e poi di essere espulsi se non cittadini. E il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, anziché dire cosa intende fare per difendere la libertà degli italiani, si è limitata a parlare di ‘necessità di una profonda azione di intervento sociale in chiave educativa e preventiva’, peraltro senza alcuna ammissione di responsabilità del suo dicastero per quanto non impedito che accadesse quella notte a Milano. È incredibile come una certa sinistra possa giustificare tutto in nome di irragionevoli posizioni ideologiche, che hanno avuto come unico scellerato risultato l’attuazione di inappropriate politiche immigrazioniste grazie alle quali ci troviamo ancora una volta individui incompatibili con la nostra civiltà, costruita a caro prezzo dai nostri antenati”. Lo afferma Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia e questore della Camera.

“Tutto tace, miserabilmente, dalle parti del Pd e del M5S. Un assordante silenzio della sinistra italiana sulle molestie di capodanno. Sia Letta che Conte, fino a qualche mese fa, hanno agitato la questione della concessione della cittadinanza agevolata a questi giovani stranieri che si comportano come selvaggi e ora non hanno nulla da dire; si sono chiusi -conclude Cirielli- in un ostinato mutismo”.




7 pensieri su “Aumenta numero vittime stupri di Capodanno a Milano, questore: “No a paragoni con Colonia””

  1. Ringraziate,cari Milanesi Yussuf Al Salah per avere ridotto in un merdaio Milano,il Pd per evere fatto entrare milioni di selvaggi in italia,ed i Milanesi tutti per avere rieletto il sindaco piddino.
    Tenelevelo ben stretto.

I commenti sono chiusi.