Stupri Capodanno, è stata una battuta di caccia: nordafricani a caccia di prede italiane

Condividi!

Caccia aperta alle prede degli stupri etnici nordafricani in piazza Duomo a Capodanno: dove non ci sono state solo le nove vittime già accertate dagli inquirenti per tre distinti assalti, ma violenze hanno colpito più ragazze.

VERIFICA LA NOTIZIA

Un’altra giovane, infatti, s’è fatta avanti con la Procura di Milano denunciando di essere stata anche lei, come le altre, accerchiata da un gruppo di giovani nordafricani e toccata nelle parti intime.

Ma le vittime potrebbero essere molte di più, temono l’aggiunto Letizia Mannella e il pm Alessia Menegazzo che indagano per violenza sessuale di gruppo, rapina e lesioni. Segnalazioni non ancora formalizzate che raccontano lo stesso copione: giovani donne circondate, molestate e abusate nella calca dai nordafricani eccitati come bestie.

Stupri Capodanno, testimone: “Nordafricani erano animali”

Ragazze che hanno raccontato di essere state «agganciate» dai gruppi di nordafricani (alcuni anche minorenni) con le medesime, terribili, modalità usate per aggredire le nove vittime tra i 19 e i 20 anni toccate e in alcuni casi denudate. I magistrati hanno acquisito anche l’intervista rilasciata da un’altra vittima ad una trasmissione televisiva:

Stupri Capodanno, autrice filmato: “Mai viste scene del genere, parlavano tutti arabo”

Le indagini della polizia, che hanno portato al fermo del 21enne torinese di origini marocchine Abdallah Bouguedra e del 18enne che i fottuti media di regime definiscono ‘italo-egiziano0’ Abdelrahman Ahmed Ibrahim, domiciliato a Milano, hanno già consentito l’identificazione di 18 giovani: sei egiziani, due marocchini, cinque cittadini italiani di origine nordafricana e altri cinque cittadini italiani di origine non specificata.

Questo dimostra l’urgenza di tornare allo ius sanguinis.

Ieri i magistrati hanno ascoltato in videoconferenza le quattro giovani (tre provenienti dalla Toscana) che hanno subito violenze sessuali intorno all’una all’ingresso della Galleria Vittorio Emanuele.

A loro i poliziotti della Mobile sono arrivati anche grazie a un video realizzato in piazza da Chiara, una giovane di Cesenatico: «Ho pensato che ci fosse una rissa, così ho preso il telefono e ho fatto partire il video. Solo quando ho stoppato mi sono resa conto di quello che stava accadendo». Chiara è stata tra i primi a soccorrere la ragazza di 19 anni abusata da una quarantina di giovani tra piazza Duomo e piazza Mercanti. «Non la conoscevo, mi sono subito gettata nella mischia e ho spinto i ragazzi via. Era per terra, senza vestiti. Dopo 15 secondi sono intervenuti i poliziotti che l’hanno portata poco più in là. Siamo rimaste in contatto, pian piano si sta riprendendo».

Stupri Capodanno, testimone: “Vittima completamente nuda sotto decine di nordafricani” – VIDEO

Stupri a Milano, arrivano denunce da tutta Italia: «50 nordafricani ci hanno accerchiate strappandoci i vestiti»




Un pensiero su “Stupri Capodanno, è stata una battuta di caccia: nordafricani a caccia di prede italiane”

  1. I poliziotti “l’hanno portata più in là” ma non sono “riusciti” a mettere le mani su una trentina di persone mentre, stando alle cronache, assalivano altre malcapitate. Ripensiamo all’immediatezza del risultato quando si è invece trattato di agguantare pericolosissime srotolatrici di striscioni. Ah, quanto sono stati efficaci, in quell’occasione!

I commenti sono chiusi.