Capodanno afroislamico a Milano: immigrati circondano italiani, stupri e rapine

Vox
Condividi!

I figli degli immigrati sono la più grande minaccia al nostro futuro. Sono immigrati regolari, quelli che piacciono agli ‘imprenditori leghisti’.

VERIFICA LA NOTIZIA

Capodanno afroislamico a Milano. Non solo il tentato stupro di massa in Piazza Duomo:

MILANO COME COLONIA: 30 IMMIGRATI CIRCONDANO RAGAZZA ITALIANA PER STUPRARLA

In trenta le si sono avventati addosso per spogliarla e stuprarla. Salvata solo dai poliziotti che, purtroppo, non hanno sparato ad altezza uomo come si dovrebbe con le bestie feroci:

Vox

CAPODANNO A MILANO: 30 IMMIGRATI SPOGLIANO RAGAZZINA ITALIANA IN PIAZZA DUOMO

In quella stessa zona, a breve distanza da dove è stata aggredita la 19enne, poco prima dell’alba si è verificato un altro episodio di violenza con una rissa che ha portato al ferimento di alcuni giovani. Stando alle prime ricostruzioni, pare un 18enne sia stato accoltellato al collo da un 16enne al culmine di un litigio nei pressi di piazza del Duomo. Ora il 18enne si trova ricoverato al policlinico di Milano e versa in gravi condizioni. Gli operatori l’hanno trovato in una pozza di sangue e le sue condizioni sono apparse da subito gravissime, tanto che ora il giovane lotta tra la vita e la morte.

In tutto sono state registrate 10 risse nella giornata di ieri nei pressi del centro di Milano. Importante il lavoro svolto dalle forze dell’ordine che, in tenuta antisommossa, hanno presidiato pizza del Duomo e le zone limitrofe cercando di ridurre gli assembramenti ma è stato impossibile evitare la formazione di cappannelli di ragazzi. Momenti di tensione si sono verificati anche in zone decentrate, come piazza Gae Aulenti, dopo attorno a mezzanotte le volanti hanno effettuato un intervento per un’aggressione subita da due ragazzi da parte di 7 stranieri. I due giovani, di 18 e 19 anni, sono stati trasportati all’ospedale Fatebenefratelli di Milano in codice giallo con ferite alla testa e al torace, causate da bottiglie rotte.

Brando, quel deficiente che faceva il banchiere, ne ha appena ordinati altri 70mila.