Omicron, Speranza e Lamorgese lasciano entrare i barconi: “Chiudere le frontiere è Afrofobia”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Non a caso i media stanno già cercando di minimizzare la portata della variante africana Omicron, come fece a suo tempo quando il virus arrivò dalla Cina, riempiendosi la bocca di involtini plimavela, stavolta con cosa si riempiranno la bocca? Alla Caritas hanno già un’idea un po’ trasgressiva.

Poi, quando avrà preso piede in Italia, allora diranno che dobbiamo stare a casa. Tutto questo, mentre il Giappone sta chiudendo le frontiere a tutti gli stranieri dopo avere sconfitto la variante Delta grazie ai confini sigillati.

Invece, Lamorgese e Speranza prendono ordini dal presidente del Malaw, che ha definito “afrofobia” i divieti di viaggio imposti da diverse nazioni, compresa l’Italia, ma solo riguardo gli aerei mentre i barconi hanno campo (porto) libero, in risposta al nuovo ceppo del coronavirus, unendosi ad altri leader africani nel condannare le restrizioni.

Molti paesi hanno chiuso i loro confini ai viaggiatori provenienti dall’Africa meridionale dopo che la nuova variante del virus, omicron, è stata identificata dagli scienziati sudafricani la scorsa settimana. Gli esperti hanno avvertito che le restrizioni ai viaggi probabilmente sono troppo tardi per essere efficaci, con casi che stanno già emergendo in Asia e Australia.

Ma è una sciocchezza: perché una cosa è avere qualche caso, un’altra è averne centinaia. Chiudere le frontiere, anche tardivamente, ti dà il tempo di agire.

“Siamo tutti preoccupati per la nuova variante del covid e dobbiamo agli scienziati del Sudafrica i nostri ringraziamenti per averla identificata prima di chiunque altro”, ha scritto domenica il presidente del Malawi Lazarus Chakwera in un post su Facebook. “Ma i divieti di viaggio unilaterali ora imposti ai paesi [della Comunità di sviluppo dell’Africa meridionale] da Regno Unito, UE, Stati Uniti, Australia e altri non sono necessari. Le misure contro il Covid devono essere basate sulla scienza, non sull’afrofobia”.

Andreste sigillati per sempre. Non solo per Omicron.




6 pensieri su “Omicron, Speranza e Lamorgese lasciano entrare i barconi: “Chiudere le frontiere è Afrofobia””

  1. Non solo alla Caritas hanno un’idea più trasgressiva, anche una nota marca di dolciumi , con i suoi baci, i cioccolatini, stanno sdoganando le effusioni fra coppie di ogni età ed omosessuali. In famiglia abbiamo deciso di darci i baci, ma non quelli di cioccolato, di una determinata ditta…

I commenti sono chiusi.