Denti strappati con la tenaglia dai boss albanesi dello spaccio

Condividi!

Emergono nuovi, inquietanti, dettagli sul terribile rapimento con pestaggio avvenuto a Trenzano, in cui un 23enne era stato caricato in auto, minacciato e fatto oggetto di violenze atroci prima di essere liberato.

Per il pestaggio, come noto, sono state arrestate dai carabinieri tre persone. Ma il movente non è ancora certo (nessuno avrebbe ancora parlato). Secondo quanto si apprende oggi, però, il blitz potrebbe essere maturato nell’ambito dello spaccio di droga, forse una punizione contro il giovane che distribuiva la droga al dettaglio e avrebbe fatto qualche “sgarro” nei confronti dell’organizzazione criminale che lo gestiva.

Tutti i protagonisti della vicenda, infatti, avrebbero precedenti per droga (cocaina). Stando a quanto ricostruito dai carabinieri e riportato da diverse fonti, il 23enne – “colpevole” di aver provato a mettersi in proprio – sarebbe stato bloccato mentre guidava per le strade del paese da due albanesi, trascinato giù dall’auto a forza, portato in una cascina messa a disposizione da un italiano, picchiato con calci e pugni e colpito con una spranga di ferro. Poi gli aguzzini hanno impugnato una tenaglia e provato a strappargli i denti. Infine è stato liberato e ha denunciato.

Trenzano, denti strappati con la tenaglia: era una vendetta dei boss albanesi




Un pensiero su “Denti strappati con la tenaglia dai boss albanesi dello spaccio”

  1. Queste notizie non devono essere messe in sordina o sottovalutate perché sono violenze ‘tra tossici’ o tra spacciatori. Il significato è un altro: questi soggetti sono capaci di qualsiasi crudeltà per ottenere ciò che vogliono, fosse anche poco, o addirittura uno sgarro immaginario.
    Se hanno torturato uno per poche dosi di droga, potrebbero fare altrettanto, e sicuramente capita e capiterà, che lo facciano con un tranquillo padrone di casa propria per ottenere qualche catenina e che banconota da 50 euro.
    Oppure, se verrà sempre meno il timore di essere presi e di una punizione, potrebbero sempre più essere persuasi della possibilità di usare questi metodi, molto efficaci, per estorcere ed ottenere il famigerato ‘pizzo’ a persone totalmente ignare ed oneste. Non sottovalutate mai questi episodi, se li fanno tra spacciatori, sono capacissimi di farli verso gente onesta, se pensano di trarne vantaggio.

I commenti sono chiusi.