Variante africana, sbarcano infetti: 65% positivi ha l’Aids prima di sbarcare

Condividi!

Dicono che la variante omicron sia nata in Sudafrica perché facilitata dall’ospite sieropositivo. Se è così, i barconi sono un veicolo ideale per le varianti resistenti ai vaccini.

A proposito di ‘variante africana’. Non c’è solo il coronavirus.Circa i due terzi degli africani sub-sahariani in cura per AIDS analizzati era infetto da HIV già prima di arrivare in Italia. I dati rivelati durante un convegno ANLAIDS.

Visto che sui barconi sono arrivati in questi anni al 90% sub-sahariani, significa che circa i due terzi di chi sbarca ed è infetto, lo era già prima di arrivare in Italia.

VERIFICA LA NOTIZIA
Lo studio ha raccolto, tra luglio 2013 e luglio 2015, i dati relativi a circa 2000 immigrati adulti (africani. europei, asiatici, americani) con infezione da HIV, seguiti presso 57 centri clinici di 9 Paesi europei a spese dei contribuenti in Belgio, Germania, Grecia, Italia, Olanda, Portogallo, Regno Unito, Spagna e Svezia.

Incrociando la documentazione con le risposte al questionario è emerso che il 50% dei migranti infetti con l’HIV è arrivato in Europa già infetto. L’altra metà si è infettata nel Paese di arrivo, ovviamente frequentando altri migranti: soprattutto attraverso la prostituzione.

Ancora più alto il dato per gli immigrati provenienti dall’Africa sub-sahariana, quindi di quelli che sbarcano: quasi i due terzi ha contratto l’infezione prima di emigrare, mentre è l’opposto per chi si sposta dall’Europa Occidentale, dai Caraibi e dell’America Latina, soprattutto se maschi omosessuali che la contraggono poi, ‘grazie’ alla promiscuità sessuale.

La cosa, per gli africani non sorprende, visto che provengono da paesi dove l’AIDS è endemica.

Sempre durante il convegno, Anlaids ha presentato in anteprima i dati di un ulteriore studio che riferiscono che le probabilità di contrarre l’HIV aumentano di 4 volte durante la permanenza in Libia. Poi vengono in Italia sui barconi, e non fanno di certo le analisi del sangue al momento degli sbarchi.

Anche una volta arrivati in Europa e “regolarizzati”, il rischio di essere infetti permane 4 volte più alto tra gli immigrati rispetto, per esempio, agli italiani.

E gli ultimi dati ci dicono questo:

Boom di immigrati sieropositivi nel 2020: Aids arriva in Italia col barcone, dati ufficiali

Insomma, stiamo importando masse di infetti. E quando non sono già infetti, lo diventano una volta sbarcati. Dovremmo aiutarli a non infettarsi a casa loro, attraverso una massiccia campagna di informazione e distribuzione di preservativi. Che avrebbe anche l’effetto di limitare la disastrosa crescita demografica africana. Che non può che finire male. Per noi e per loro.

Emergenza AIDS tra i profughi: metà è infetto




7 pensieri su “Variante africana, sbarcano infetti: 65% positivi ha l’Aids prima di sbarcare”

  1. In Africa sono necessarie le sterilizzazioni obbligatorie di massa. Soprattutto della popolazione di sesso maschile. Sono libidinosi e sessuomani, ecco perché prolificano peggio delle zanzare. Ma ci vuole anche l’aborto illimitato.

I commenti sono chiusi.