Omicron, studio aveva previsto: contagio arriverà dall’Africa sui barconi e farà strage

Condividi!

Studio ha previsto seconda ondata al sud: “ecatombe con agli sbarchi”

La nuova ondata dell’epidemia, infatti, secondo lo studio, sarebbe arrivata dall’Africa. Vista l’attuale politica sugli sbarchi c’è da aspettarsi uno scenario da incubo.

Lo studio aveva solo sbagliato tempistica. Prevedevano questa ondata per lo scorso anno. Subito dopo la prima. Invece la variante omicron è arrivata ora. Sta già dilagando nell’Africa australe e ci sono stati casi da dove partono i barconi. Probabilmente, il motivo per cui è stata individuata in Sudafrica e non in Nigeria o Ghana sono i residui centri di ricerca lasciati dall’uomo bianco. Ma è già ovunque, in Africa. E presto ce ne renderemo conto.

Secondo il dossier, entro la fine dell’anno sarebbero state un milione e settecentomila le piccole e medie imprese a rischio default finanziario. Le previsioni sul Prodotto interno lordo vanno ben oltre quel già catastrofico -10 % stimato per lo scorso anno, facendo perdere il lavoro a quasi 6 milioni e mezzo di italiani. Con un tasso di povertà al 22,7%. E una disoccupazione vicina al 20 per cento.

Lo studio era stato richiesto non da razzisti ma da un noto moderato:

Chiusi in casa per nulla: in arrivo ondata di contagi dall’Africa con gli sbarchi

Dopo gli oltre 100mila morti causati dal governo Conte, che non volle chiudere le frontiere ai cinesi, vogliono fare il bis con gli africani.

Per questo è urgente cacciare questo governo di abusivi. E il burattinaio sul Colle.

https://voxnews.info/2020/05/27/coronavirus-lafrica-e-una-bomba-pronta-ad-esplodere-allarme-barconi/

Hanno lasciato che sbarcasse chiunque. A colpi di centinaia al giorno. Li hanno poi diffusi sul territorio e lasciati muovere sui mezzi pubblici da sud a nord. E ora il contagio sale da sud a nord.

Ovvio, i barconi non sono l’unica causa. Ci sono anche gli immigrati di ritorno da Paesi dove il virus infuriava e infuria tutt’oggi, lasciati entrare in Italia: bengalesi, peruviani, pakistani e tanti altri. Il tutto, poi, esacerbato dalla riapertura delle scuole e nell’utilizzo di mezzi pubblici di trasporto, unico luogo dove italiani e immigrati si incontrano.

E infine, ovviamente, la famigerata accoglienza diffusa: centinaia di centri di accoglienza sparsi in tutta Italia che dal Veneto alla Sicilia stanno diffondendo il virus con immigrati positivi che fuggono dalla quarantena.

Intanto, il governo del contagio e dell’invasione non chiude i porti:

Crocerossine di Stato vanno a prendere 200 clandestini su ordine dei trafficanti: allarme Omicron ignorato 🤮

Chiude gli aeroporti.

Una sequenza riconducibile alla nuova variante del Coronavirus è stata identificata su un cittadino campano – vaccinato con due dosi – sbarcato qualche giorno fa a Malpensa dal Mozambico. Il ‘paziente zero’ italiano, un professionista dipendente di una azienda internazionale, è stato sottoposto tampone quando è sbarrato nello scalo lombardo.

Il test è risultato in seguito positivo al Covid e l’allarme di questi giorni sui viaggiatori di rientro dall’Africa australe ha acceso i riflettori sul suo caso, facendo partire riscontri più approfonditi anche sui suoi familiari conviventi, residenti in Campania. Il Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano ha così sequenziato la nuova variante. Lievi i sintomi riscontrati.

Stretta – intanto – del ministero della Salute che – il giorno dopo aver bloccato i voli da 7 Paesi dell’Africa meridionale – ha sollecitato le Regioni a rafforzare il tracciamento dei passeggeri giunti dalle zone a rischio. Serve di più per il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, che ha chiesto “immediati provvedimenti di controllo alle frontiere e di valutare ulteriori scelte di contenimento dei flussi di ingresso verso l’Italia”. Sollecitati anche i nominativi delle liste di imbarco dei residenti nella regione atterrati Fiumicino negli ultimi 15 giorni dalle zone interdette, in modo da sottoporli a screening.In Italia ministero Salute raccomanda alle Regioni di rafforzare e monitorare tracciamento e sequenziamento in caso di viaggiatori da Paesi, o in caso di focolai, caratterizzati da rapido ed anomalo incremento di casi.

Il paziente campano positivo, il suo nucleo familiare composto da cinque persone e tutti i loro contatti sono stati subito posti in isolamento prudenziale. Sono in buone condizioni di salute; allertati i laboratori campani che stanno già lavorando per ottenere i risultati genomici. Al momento non sono stati identificati contatti positivi in Lombardia dell’uomo.

Dopo Belgio, Germania ed Inghilterra, la temuta variante sudafricana si è dunque infiltrata anche in Italia. L’Inghilterra, ha annunciato il premier Boris Johnson, introdurrà il test molecolare obbligatorio e quarantena per chi arriva.

Si vedrà se l’esempio sarà seguito da Paesi europei. C’è da considerare che viaggiatori possono arrivare sul territorio europeo dalle aree a rischio tramite ‘triangolazioni’ con altri Paesi non sottoposti al blocco dei voli. Sale quindi l’allarme anche per l’Italia e gli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera dipendenti dal ministero della Salute (Usmaf) hanno inviato una nota di raccomandazione ai vettori, agli enti aeroportuali e del volo affinché si vigili sulla completa e corretta compilazione del Digital passenger locator form, ovvero i moduli per fornire informazioni sulla provenienza dei viaggiatori negli ultimi 14 giorni. Con l’obiettivo di individuare eventuali arrivi dall’Africa australe passati per altri scali dopo il blocco dei voli scattato ieri. Il ministero della Salute ha anche inviato una circolare alle Regioni per invitarle a rafforzare e monitorare le attività di tracciamento e sequenziamento in caso di viaggiatori provenienti da Paesi o in caso di focolai caratterizzati da rapido ed anomalo incremento di casi e applicare tempestivamente e scrupolosamente le misure per la quarantena e l’isolamento già previste per la variante Delta. E le Regioni si stanno già muovendo. “E’ scattata la fase per andare a cercare la nuova variante. Sono stati rafforzati i controlli negli aeroporti, porti e stazioni ferroviarie”, ha fatto sapere l’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato. “I tamponi – ha aggiunto – vengono mandati a campione allo Spallanzani per essere analizzati”. Al lavoro anche la Lombardia.

L’obiettivo, ha spiegato la vicepresidente assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti, “è avere un sequenziamento delle nuove varianti e, nell’eventualità, avere un contact tracing molto puntuale, tutte azioni che stiamo facendo e che faremo anche con questa variante, che sembra essere molto più contagiosa di quelle precedenti e quindi dobbiamo mantenere molto alta la soglia di attenzione e attendere maggiori informazioni da parte del mondo scientifico”. La Regione Campania, ha assicurato il governatore Vincenzo De Luca, ha “tempestivamente adottate tutte le misure precauzionali e si sta procedendo al sequenziamento del virus per verificarne la natura con certezza”. La Farnesina si è intanto attivata per assistere i connazionali rimasti bloccati nelle nazioni africane ‘isolate’.

Controllano qualche decina di persona, intanto ne fanno sbarcare migliaia a settimana. Sono folli o criminali. Probabilmente entrambe queste cose.

Loro chiudono gli aeroporti, intanto fanno arrivare i barconi.




5 pensieri su “Omicron, studio aveva previsto: contagio arriverà dall’Africa sui barconi e farà strage”

  1. Leggendo tale Nicola Bidoli su Twitter la variante omega ha almeno due caratteristiche:
    1) e’ stata costruita in laboratorio, 2) e’ altamente trasmissibile come la Delta ma grazie a l cielo aggira al 100% tutti i vaccini inoculati finora perché riesce ad entrare nella cellula umana attraverso un’altro accesso.
    Purtroppo non ammazza di più delle insignificanti varianti che abbiamo avuto finora, circostanza che aumenta se possibile il disprezzo che nutro verso le elites ancora una volta incapaci di assumersi le loro responsabilità sterminando in un degno spettacolo l’umanità ai loro occhi in eccesso.

    1. “Leggendo tale Nicola Bidoli su Twitter” grazie per la segnalazione dell’ennesimo potenziale nobel. Giusto per curiosità, che competenze ha tale nicola? Laurea im biologia? “1) e’ stata costruita in laboratorio” che velocità! Appena scoperta e già sappiamo per certo che è artificiale. Naturalmente secondo il panettiere Nicola. ” ma grazie a l cielo aggira al 100%” sempre più veloci. Ormai non servono neanche le prove empiriche. Ci sono dei geni a cui non servono.

I commenti sono chiusi.