Violenza sulle donne, senza immigrati non ci sarebbero femminicidi in Italia

Condividi!

Se davvero volessero combattere la violenza contro le donne, chiuderebbero porti e frontiere. Perché la stragrande maggioranza di chi commette questo reato, in Italia, è immigrato. Rimarrebbe un numero risibile di casi che, purtroppo, fa parte della natura umana e non è comprimibile per legge: come i suicidi e gli infanticidi. Puoi fare tutte le pubblicità che vuoi, chi arriva col barcone se ne frega, e chi va fuori di testa anche.

In realtà, con queste giornate contro qualcosa cercano di spostare l’attenzione da problemi ed emergenze reali verso fenomeni marginali:

Femminicidio: Italia ai minimi in Europa, più immigrati significa più femminicidi

Nella ‘patriarcale’ Italia i “femminicidi” sono ai minimi rispetto alla femminazi Svezia. E, in realtà, il fenomeno del cosiddetto ‘femminicidio’ è direttamente proporzionale alla presenza di immigrati e alla maggiore mercificazione dei sentimenti.

Che l’immigrazione sia un danno soprattutto per le fasce più deboli della popolazione, è cosa nota a tutti. Tranne alle femministe a scoppio ritardato come Boldrini.

Le centinaia di migliaia di lettori di Vox sanno a memoria questi numeri, ma repetita iuvant:

E quindi va un plauso a Francesca Totolo che nonostante la persecuzione, anche da fuoco amico, non cede.

I dati parlano chiaro:

Senza sprecare troppe parole, ci troviamo in presenza di una popolazione ostile che abbiamo importato sui barconi e con i famigerati ricongiungimenti familiari, vero moltiplicatore dei crimini in Italia.

Senza immigrati, migliaia di donne non sarebbero state stuprate, molestate, uccise. L’Italia sarebbe un posto migliore in cui vivere. Come era fino agli anni ’80.

Basta, del resto, dare un’occhiata a questa parziale raccolta di crimini degli immigrati, per rendersi conto che Hic Sunt Leones:

http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/

Ma, sia chiaro, anche se fossero tutti santi, sarebbe comunque sostituzione etnica.

E’ emergenza crimini immigrati, odiano le donne: boom di stupri e femminicidi




Lascia un commento