Incinta a 15 anni massacrata di botte dal marito 32enne: accade in Italia

Condividi!

Rom e musulmani stanno facendo regredire l’Italia alle caverne.

I carabinieri della Stazione di Trebisacce hanno arrestato un 32enne di origine romena per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti della giovanissima convivente, appena 15enne, originaria di Castrovillari.

I due convivevano dal giugno 2020 in un appartamento a Trebisacce.

Già dalla scorsa estate, secondo quanto sarebbe emerso, il giovane avrebbe manifestato atteggiamenti violenti nei confronti della ragazza picchiandola in più occasioni nonostante fosse incinta. L’ultimo episodio, secondo l’accusa, risale al 14 novembre scorso quando, al culmine dell’ennesima lite, il 32enne avrebbe picchiato la compagna con una paletta, per poi scagliarle contro una sedia e procurandole una frattura scomposta di una costola. Dopo questo episodio, la 15enne, accompagnata dalla sua tutrice, si è recata in caserma e ha denunciato ai carabinieri le continue percosse e le vessazioni fisiche e psichiche subite da parte del compagno.

La ragazza, dopo la denuncia, è stata trasferita in una casa rifugio per le donne vittime di violenza, mentre le indagini dei carabinieri della Stazione di Trebisacce, coordinate dalla Procura di Castrovillari, hanno consentito di ricostruire i vari episodi di violenza susseguitisi dal giugno 2020 fino a quando la giovane ha trovato la forza e il coraggio di denunciare. Il trentaduenne, dopo le formalità di rito, è stato arrestato e posto ai domiciliari.

Incinta a 15 anni massacrata di botte dal marito 32enne




4 pensieri su “Incinta a 15 anni massacrata di botte dal marito 32enne: accade in Italia”

  1. ***Fuori Tema***
    1)Nato, Stoltenberg: vogliamo un mondo senza armi nucleari, ma per averlo dobbiamo prima usare le armi nucleari contro i nostri nemici.(Parlava della Russia).
    2) Australia: Ministro Michael Gunner da l’ordine di togliere ai vaccinati ogni diritto, compreso mangiare e uscire, e da l’ordine anche che vengano portati in campi di contenimento che sono in costruzione.(campi di concentramento).
    3) Cina, covid: tutte le persone che dopo il tampone risultano positive vengono messe in quarantena, e se hanno animali domestici gli devono fare il tampone anche a loro, e in caso l’animale risulti positivo, le autorità lo sopprimono(e in maniera brutale a suon di mazzate che il proprietario lo voglia oppure no, ho appena visto dei video agghiaccianti che fanno male al cuore, di cani e gatti e massacrati dalle autorità e i loro padroni a guardare impotenti e straziati dal dolore.)
    4) Inghilterra, si arrestano anche bambini se si permetteno di parlare male dei neri. Bambini bianchi ovviamente.

    Che mondo di merda è diventato?

Lascia un commento