L’assassino Guede: “Troppi 13 anni di carcere”, già fuori perché lavora alla Caritas

Condividi!

Qui non si sta discutendo la colpevolezza o meno di qualcuno, ma il fatto che se ritenuto colpevole non può fare solo 16 anni di carcere per il brutale omicidio di una ragazzina e, poi, uscire addirittura dopo soli 13 anni perché fa il volontario alla Caritas.

I parenti della vittima, in questi casi, hanno licenza di uccidere. Non c’è dubbio.

Potrebbe tornare subito libero Rudy Guede, condannato per l’omicidio di Meredith Kercher avvenuto a Perugia il 1 novembre 2007. Il tribunale di sorveglianza infatti deve decidere sulla richiesta del difensore, l’avvocato Fabrizio Ballarini, di concedere 45 giorni di sconto sul fine pena per Guede, che scadrà il 4 gennaio 2022.

VERIFICA LA NOTIZIA

Se l’istanza verrà accettata il termine verrebbe anticipato al 20 novembre e quindi l’uomo tornerebbe subito libero. “E’ una procedura standard ordinaria prevista dalla legge sull’ordinamento penitenziario” spiega all’Adnkronos l’avvocato Ballarini. Guede al momento è in affidamento in prova ai servizi sociali.

Rudy Guede, in realtà, era già libero e affidato ai servizi sociali e ha già ottenuto mille e 100 giorni di sconto sui 16 anni di reclusione che gli sono stati inflitti con il rito abbreviato. In semilibertà dal settembre del 2019, Guede – 35 anni il 26 dicembre – ha operato come volontario alla Caritas di Viterbo e collabora con un centro di studi criminologici. Già da qualche tempo non rientrava più a dormire in cella, usufruendo di uno speciale permesso legato alle norme per prevenire il contagio Covid all’interno degli istituti di reclusione.

Guede fu condannato, prima che fossero prosciolti altri due sospettati, Amanda Knox e Raffaele Sollecito, accusati del delitto della studentessa inglese, compiuto a Perugia 14 anni fa, e poi definitivamente assolti. Dopo avere scontato 13 dei 16 anni di reclusione ai quali è stato condannato, a Guede è stato invece concesso l’affidamento ai servizi sociali. E ora potrebbe tornare, da subito, libero.

Intanto chi ha sparato a degli spacciatori africani è in carcere.




17 pensieri su “L’assassino Guede: “Troppi 13 anni di carcere”, già fuori perché lavora alla Caritas”

      1. Vedo che, stranamente non ricordi bene: il Guede era dentro solo perchè ha patteggiato. Se avesse tenuto duro e fosse andato al processo come gli altri due fenomeni sarebbe stato assolto anche lui.

        1. “Se avesse tenuto duro e fosse andato al processo come gli altri due fenomeni sarebbe stato assolto anche lui” si vede che il suo avvocato era un fan di voxx nonché collega del noto esperto di giurisprudenza Antani. La riforma della giustizia per te sarebbe un gioco da ragazzi. Da farsi al bar. Tra un bicchiere di vino e l’altro.

  1. “parenti della vittima, in questi casi, hanno licenza di uccidere. Non c’è dubbio.” tanto in carcere non ci andrebbe mica il sig. Voxx. È più comodo fare il leone da tastiera dal salotto di casa.

Lascia un commento