Marocchino di 28 anni stupra italiana di 80 – FOTO BESTIA

Condividi!

Questo vuole dire non avere i muri: le bestie sono libere e a caccia di prede.

La Polizia ha tratto in arresto l’autore di una violenza sessuale e di una rapina commessi ai danni di una donna di Termoli.

La Polizia ha arrestato un uomo che in data 11 agosto 2021 aveva rapinato e violentato una donna a Termoli. L’uomo è stato rintracciato a Firenze nei pressi di Palazzo Pitti.

È quanto emerge dalla conferenza stampa tenutasi questa mattina presso la Sala “Rosano” della Questura di Campobasso, alla presenza del Questore Giancarlo Conticchio.

“In seguito ad una meticolosa e complessa attività investigativa intrapresa dal personale del Commissariato di P.S. di Termoli – spiegano dalla Questura – la Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Larino ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 28enne di origini marocchine.

Il provvedimento è stato eseguito dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Firenze che hanno fermato per un controllo di rito l’uomo che, nel frattempo, si trovava nel capoluogo toscano.

Durante una notte del mese di agosto, l’uomo si era introdotto nell’abitazione di un’anziana donna di Termoli attraverso una finestra lasciata socchiusa. Una volta all’interno, era stato sorpreso dalla proprietaria, sola in casa. A quel punto l’uomo aggrediva l’anziana e scappava via subito dopo asportando denaro e oggetti preziosi.

La donna si era rivolta alla Polizia di Stato e nell’immediatezza erano partite le indagini. Sono stati effettuati numerosi servizi di appostamento, anche in orario notturno, e visionate ore di registrazione dei vari sistemi di videosorveglianza presenti nella cittadina adriatica,

al fine di individuare anche una sola immagine che riprendesse un individuo rispondente alla descrizione fornita dalla vittima.

Grazie ad un’accurata analisi ed a seguito anche di un complesso lavoro di estrapolazione e raffronto dei dati di soggetti con precedenti di polizia e caratteristiche simili che , anche in passato, erano stati controllati e sottoposti a fotosegnalamento nel territorio di Termoli, il personale del Commissariato è riuscito ad individuare un frame che riprendeva il volto di un giovane con caratteristiche somatiche riconducibili all’autore della violenza, successivamente riconosciuto dalla vittima e da un’altra donna con la quale aveva posto in essere comportamenti di natura sessuale tali da incutere forte timore in quest’ultima per la propria incolumità.

Si è giunti cosi ad individuare un uomo, di nazionalità marocchina, che dopo l’episodio di violenza dello scorso agosto, aveva abbandonato Termoli.

Sulla base delle risultanze investigative e sotto il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Larino, è stata avanzata richiesta di misura cautelare al G.I.P. competente che ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di rapina e violenza sessuale nei confronti dell’uomo.

Sono state, pertanto, diramate in tutta Italia le ricerche del soggetto che, proprio nella notte tra il 15 ed il 16 novembre scorsi, è stato fermato per un controllo da personale dell’Arma Carabinieri di Firenze, nei pressi di Palazzo Pitti.

Tratto in arresto in esecuzione della misura cautelare, il 28enne è stato condotto presso la Casa Circondariale di Sollicciano”.

Giovane migrante stupra 80enne italiana




4 pensieri su “Marocchino di 28 anni stupra italiana di 80 – FOTO BESTIA”

  1. bastardi immigrati dovete morire tutti in massa
    venite che vi aspetto e vedrete che sorpresa vi faccio trovare
    pezzo di merda e criminali comunisti che hanno invaso la patria di criminali immigrati parassiti rifiuti scarafaggi

  2. Africani… meno di 2 milioni in Italia, ma responsabili di quasi la metà dei crimini più odiosi, gli stupri, su circa 60 milioni di abitanti. Direi di sì, c’è un problema con questi Africani, perché se in meno di due milioni rappresentano quasi la metà degli stupri in Italia, potete solo immaginare quando saranno di più.

Lascia un commento