Maneskin. Damiana sempre più trash: rappresentati da uno in calze, reggiseno e guepiere

Condividi!

I Cugini di Campagna protestano, ma qui dovrebbero protestare quelli di Intimissimi.

Rivogliamo gli anni ’80:

Ma ci andrebbero bene anche i ’90.

E dopo questa imperdibile performance, Damiano non ha resistito alla tentazione del politicamente corretto. Ancora meglio se in trasferta. “Quest’anno, in particolare, bisogna andar fieri del nostro Paese per i risultati raggiunti”, dice il frontman dei Maneskin. “Non solo da noi ma da tanti sportivi e da personalità della cultura. Peccato per i diritti civili, dove continuiamo a rimanere indietro. E invece per noi sarebbe stata la vittoria più importante”.

Quando finirà la musica, a Damiano rimarranno solo le mutande di pizzo.




16 pensieri su “Maneskin. Damiana sempre più trash: rappresentati da uno in calze, reggiseno e guepiere”

  1. Saranno dei talenti.
    Ma la rapidissima ascesa al successo come l’hanno avuta loro, neanche i Beatles.

I commenti sono chiusi.