Trieste, lavoratori italiani manganellati perché il porto è tedesco: la vergognosa ammissione di Lamorgese

Condividi!

C’è un enorme problema di sovranità in Italia. Le ONG tedesche sbarcano migliaia di clandestini, l’ultimo carico di centinaia c’è stato l’altro giorno. E hanno anche licenza di speronare le nostre navi militari: perché siamo un Paese a sovranità limitata.

C’era un tempo in cui un ministro dell’Interno si sarebbe vergognato di ammettere una cosa simile:

🔥Sgombero Trieste, ordine arrivato dalla Germania. Lamorgese confessa: “Porto Trieste è dei tedeschi” – VIDEO🔥

Ha, in pratica, detto che a decidere di manganellare i lavoratori italiani sono stati i padroni tedeschi. Ce n’è abbastanza per trasformare la piccola questione green pass in un rivolta generale. Finché siamo nella Ue siamo servi. Il Paese va liberato. Sarà una lotta durissima e molti di noi verranno eliminati. Ma è noi o loro.




2 pensieri su “Trieste, lavoratori italiani manganellati perché il porto è tedesco: la vergognosa ammissione di Lamorgese”

  1. Si era capito perche’ la lamorgese non viene rimossa, e draghi ha affermato che esegue bene le direttive, e’ una questione di stipendio, durare piu’ a lungo per incassare il massimo il piu’ a lungo possibile, mi danno ordini che io rigiro su chi mi sta sotto, tutti hanno ubbidito,….. la Germania e’ contenta ! e tutti rimaniamo attaccati alla poltrona, gli unici che potrebbero fare qualcosa sono i m5merde… ma i posti per la prossima giostra sono scesi a 600, perche’ correre il rischio mandando il governo a casa, di perdere il lauto stipendio?….. vedrete che al prossimo giro saranno ancora mille…. visto che si preoccupano di zanfinocchio, ma non hanno ancora cambiato la legge elettorale, e tireranno fuori la scusa che nell attesa di…….(Non si capisce mai in attesa di cosa), costituzionalmente non e’ possibile ridurre a 600 i parlamentari , e …..ci ritroveremo tra i piedi i partitini che non contano nulla dello o,ooo1% ?….ma che tanto sono utili a fare maggioranze di sinistra

Lascia un commento