Migrante uccide bambine di 11 e 3 anni in centro accoglienza

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Una donna di nazionalità cingalese è ricercata dalla Polizia perché questa mattina ha ucciso le due figlie, di 11 e 3 anni, che con lei erano ospiti di un centro accoglienza, le famigerate ‘case accoglienza’ dove finiscono le famiglie di immigrati quando i mariti commettono reati e non le mantengono più, scaricandole sui contribuenti.

La donna è fuggita ed è attualmente ricercata.

I corpi delle bambine sono stati trovati dalle assistenti sociali delle casa di accoglienza secondo le quali non c’erano stati segnali che facessero presagire la tragedia. Delle indagini si sta occupando la squadra mobile della Questura di Verona, che però al momento non esclude nessuna ipotesi. Arrivato sul posto anche il sindaco Federico Sboarina con l’assessore al Sociale Daniela Maellare.

I ricongiungimenti familiari sono un crimine.




2 pensieri su “Migrante uccide bambine di 11 e 3 anni in centro accoglienza”

  1. No e poi no. Se non fosse per vla tragicità del fatto di cui porto rispetto alle vittime, mi verrebbe da pensare, che più che case di accoglienza sono case di tolleranza. Infatti si tollera tutto a volte anche quello a cui il termine si riferisce.

Lascia un commento