Barricate a Genova e marcia su Trieste: la rivolta è appena iniziata

Condividi!

Per la maggioranza è una questione di ‘green pass’, per noi è molto di più. Il ‘green pass’ è l’ostentazione di un male che ha radici molto più profonde.

https://twitter.com/RadioSavana/status/1452721543944065039

L’Italia non ha bisogno di ‘più Stato’, ma di meno Stato. E’ lo Stato che ci porta i clandestini. Per questo chi accusa la rivolta di ‘fascismo’ è, invece, egli stesso fascista: proprio perché deifica lo Stato. Noi, invece, siamo il popolo, che è un’altra cosa.

Lo Stato italiano è come un grande albero infestato di parassiti. Il più grande parassita è il Pd.

🔥 BARRICATE A GENOVA: PORTO CHIUSO DAI LAVORATORI – VIDEO 🔥

TRIESTE, PORTUALI MARCERANNO SU OLEODOTTO – APPELLO AI PATRIOTI: “RIPRENDIAMOCI IL NOSTRO PORTO”




5 pensieri su “Barricate a Genova e marcia su Trieste: la rivolta è appena iniziata”

  1. Uno stato Fascista avrebbe attribuito a ciascun cittadino il green pass senza il presupposto della inutile vaccinazione e lo avrebbe chiamato col suo vero nome: tessera annonaria per il razionamento degli alimenti e del combustibile!
    Ricchi, poveri, tutti devono poter usufruire delle medesime quantità di calorie, pane, zucchero, caffè, carne, pesce nonché benzina e gasolio da riscaldamento ed elettricità, in vista del brutale razionamento a cui andiamo incontro in quanto paesi sprovvisti di materie prime e di attributi per fare la guerra.
    Draghi avrebbe fatto miglior figura e Mattarella lo stesso, a dire la verità al popolo, invece che imporre ai più vaccini utili al massimo ad ammazzare la gente.

  2. Tò, che combinazione… rimandato l’incontro che avrebbe dovuto dare risposte. In gergo calcistico, se no erro, questa tecnica si chiama “fare melina”. Più che opportunamente, la PIANIFICATA non-risposta (che, inserita nel contesto, è palesemente un gesto di spregio) viene trattata come una risposta negativa.

Lascia un commento