Austria verso lockdown: non vaccinati saranno chiusi in casa, agli arresti domiciliari

Condividi!

Ormai viviamo una realtà alternativa.

In Austria si va verso il lockdown per le persone non vaccinate. E’ quanto emerso da una riunione in videoconferenza tenuta dal governo ieri a tarda sera, che ha fissato al 30% il limite dei posti di terapia intensiva occupati (pari a 600 letti), superato il quale chi non è vaccinato dovrà restare a casa. “Stiamo per imbatterci nella pandemia di chi non è protetto”, ha avvertito il cancelliere Alexander Schallenberg, chiarendo che non ci sarà alcun lockdown per chi è vaccinato e per chi è guarito dal Covid. Schallenberg ha espresso l’auspicio che questa possibilità invii un segnale ai troppo “esitanti e ritardatari”.

Al momento in Austria i posti letto occupati in terapia intensiva sono 220. Se si dovesse arrivare a quota 600, si arriverebbe alla fase 5 del piano del governo, che prevede massicce restrizioni ai movimenti per i non vaccinati. Il ministro della Sanità Wolfgang Mueckstein ha detto che al momento siamo nella fase 1, quindi “stiamo parlando del futuro”.

Quando poi il contagio proseguirà, perché la vaccinazione non è la soluzione a lungo termine, ma era solo un cerotto che a lungo termine allarga la ferita, allora cosa faranno? Lockdown per tutti.

Il prossimo passo è il campo di concentramento.




4 pensieri su “Austria verso lockdown: non vaccinati saranno chiusi in casa, agli arresti domiciliari”

  1. Anche li sti bastardi di politici con che cazzo di titolo o potere limitano le nostre libertà,? noi non possiamo uscire non possiamo fare muri contro negri e beduini, ma loro vengono qua a casa nostra senza fregarsene di nulla tanto al governo ci sono ricchioni e troie verdi di sinistra pronti tutti per essere intortati, anche li sanno che i vaccini americani fanno male e non li impongono per legge, ma non comprano quelli sovietici..che funzionano… ue merda

  2. Siamo sicuri???
    Testimonianza:
    “Vivo a Vienna e le cose non stanno così, tampoini salivari per tutti e questa cosa del lockdown è una cosa circolata sui giornali. Anche i tamponi a pagamento erano una proposta che poi il governo austriaco ha bocciato.”

    In Inghilterra uguale, dicono che l’ emergenza sia finita e che non c’è mai stata carenza di carburante.

    Mi sa che tutte queste cose che scrivono le vogliono applicare solo a noi Italiani.

Lascia un commento