«Presto avremo ministri musulmani in Italia, non potete fermarci»

Condividi!

Il loro obiettivo è islamizzare l’Italia. Non lo nascondono. Siamo noi che facciamo finta di nulla, perché reagire costa ‘lavoro’. Reagire è fatica. Morire lentamente no.

Ad esempio, Abdallah Khezraji, presidente dell’associazione Hilal e riferimento della comunità marocchina residente in Veneto, non ha mai nascosto quale sia il loro obiettivo. Lo ha spiegato tempo fa: «È sotto gli occhi di tutti: le chiusure e i paletti messi dalla Regione non fanno che peggiorare la situazione rimarca in Veneto ci sono circa 170mila musulmani. Migliaia abitano nella provincia di Treviso.

È inutile cercare di nascondere le cosa: stiamo parlando di persone che tra qualche anno potranno anche rivestire ruoli importanti come quelli di politici, sindaci o pure ministri».

«Non stiamo parlando di fantascienza aggiunge, il sindaco di Londra, Sadiq Khan, è musulmano. E quello che è successo in una grande capitale del genere alla fine succederà anche qui, non potete fermarci».

Poi la minaccia:«Cercare di frenare questo processo impedendo l’apertura di spazi autorizzati per l’Islam non può che portare a dei danni».

Leader Marocchini contro legge anti-burqa: “Veneto antipatico, Salvini arrogante”

E questo Khezraji è il punto di riferimento locale del governo PD, un po come Chaouki lo è a livello nazionale. Prese parte agli Stati generali dei musulmani residenti in Veneto andati in scena all’hotel Maggior Consiglio di Treviso.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lì, i vertici della confederazione islamica nazionale e regionale, rispettivamente il segretario Massimo Abdallah Cozzolino e il presidente Tanji Bouchaib, fecero il primo passo verso la formazione di un Islam italiano.

L’islam ‘italiano’ ha l’obiettivo di dominarci. Per loro abbiamo due scelte, stare zitti o morire decapitati:

Prof decapitato, islamica ‘italiana’: “Punire i blasfemi”

Non staremo mai zitti.




18 pensieri su “«Presto avremo ministri musulmani in Italia, non potete fermarci»”

  1. Rinvenuta da un sub in Israele la spada di un cavaliere crociato…Dio ha mandato un chiaro messaggio!Dagli abissi del tempo e del mare risorge la guerra Santa contro i demoni mussulmani!😁😁😁😁

  2. Deus vult.

    In hoc signo vinces.

    E lo scrive uno che della religione in genere non sa che farsene…

    🎶 Sound of charge into glory ride 🎶
    🎶 Over the top of their vanquished pride 🎶

      1. Lui non ascolta.

        Crom è forte. Se muoio andrò al suo cospetto. Mi chiederà “Qual è il segreto dell’acciaio?” e se non lo so, mi scaccerà dal Valhalla e riderà di me. Questo è Crom, gran dio dei monti.

  3. Natale si avvicina, probabilmente sarà l’ultima volta che avremo due soldi da spendere in stupidaggini. Quindi è tempo di “consigli per gli acquisti”.

    LP 33 giri “Kings of Metal” – Manowar, 1988 – edizione limitata, vinile colorato

    I Manowar sono un gruppo musicale statunitense che ha goduto del suo periodo di maggior successo a cavallo fra gli anni 80 e la prima metà degli anni 90. Sono esponenti di una particolare nicchia che potremmo definire “power/epic”.

    Per quanto riguarda la parte “tecnica”, il cantante Eric Adams è sempre stato famoso per la sua estensione vocale (millantata di 3 ottave e 5 note) che gli permetteva anche di confrontarsi a volte con Pavarotti e simili. Joey DeMaio, il bassista, è noto per la sua estrema velocità di esecuzione. Posso dire che quando l’ho visto io dal vivo non ne ha beccata una che fosse una, ma sospetto fosse pienissimo.
    Se conoscete un estimatore del genere che sia anche appassionato di vinile, non potrà che esservi grato a vita per questo omaggio e se anche voi gradite motociclette, vichinghi e spade insanguinate potrebbe essere un buon acquisto per la vostra audioteca. L’oggetto costa circa 30€ e vi consiglierei di acquistarlo fisicamente alla Feltrinelli per scioccare il cassiere alla soia con la lettura a voce alta del testo di “Hail and Kill”.

    Rip their flesh
    Burn their hearts
    Stab them in the eyes
    Rape their women as they cry
    Kill their servants
    Burn their homes
    Till there’s no blood left to spill
    Hail and Kill

    (curiosità: il Man O’ War era un veliero da battaglia a tre alberi dotato di parecchie bocche da fuoco originario della fine del sedicesimo secolo e precursore diretto delle “Ship of the Line” delle varie compagnie delle Indie e della marina Inglese)

    1. 🎶 Manowar born to live forevermore 🎶
      🎶 The right to conquer every shore 🎶
      🎶 Hold your ground and give no more 🎶

      Ho forse dato qualche scossone alla memoria con i miei interventi canori recenti?

      1. Eh, sì. Poi i Manowar hanno un posto speciale nella memoria perchè erano una delle colonne sonore favorite per il “gioco di ruolo” insieme al citato Orff e ad altre chicche simili.

        “they were the metal kings”.

        1. Ah, sì indubbiamente. Sapevano essere molto epici. Dark Avenger mi fa venire ancora i brividi, anche dopo tanto tempo.

          🎶 No one can escape me on Black Death I ride
          When kissed by the sword of Vengeance
          Your head lays there by your side
          I take the lives of all that I once knew
          The torn flesh of a slow death waits for you
          Burning, death, destruction raping the daughters and wives
          In blood I take my payment in full with their lives 🎶

          Però le mutande di cuoio con le borchie mi hanno sempre fatto ridere. I miei preferiti rimangono sempre i Motorhead, altro genere, altra mentalità.

          1. A livello di perizoma in pelle borchiata secondo me i più schifosi erano i WASP. Almeno Eric Adams andava in palestra e sembrava il bambolotto di He Man, quello dei WASP sembrava la zia di mia moglie con la parrucca.
            I Motorhead sono anche loro nel mio cuore perchè è uno dei primissimi concerti che ho visto, nel 1988 a Torino. Quello “famigerato” in cui Lemmy si era rotto il ginocchio lanciandosi sul pubblico.

  4. Stiamo aprendo una succursale del Manowar fan club?

    🎶 Drink to the battles we’ve lived and we’ve fought
    Celebrate the pain and havoc we have wrought
    Great heroes charge into the fight
    From the north to the south in the black of night 🎶

    1. Mia moglie sostiene che questo mio ritorno al liceo sia un pericoloso sintomo di senilità. Io le ricordo spesso che come sintomo di senilità potevo prendere una spider e 4 puttane e che forse potrebbe accontentarsi.

      1. Io ho già detto alla mia che se arrivo alla pensione prendo una Harley Softail col fanale posteriore a croce di ferro, chiave d’avviamento a spada medievale ed elmo prussiano come casco inoltre parrucca da cacciatore di taglie vichingo e fucile a pompa Remington, canna cromata e finiture nero opaco😁😁😁😁

  5. L’abominevole islam-vero NON PUÒ ESSERE PRATICATO IN ITALIA siccome notevole parte della precettistica di quella “religione” pietrificata nella sua oscena barbarie implica comportamenti che in Italia, secondo il vigente Ordinamento Giuridico, sono REATI.

  6. “Non staremo mai zitti.”
    … Tanto meno decapitati.
    Questo non lo dico io, ma Dio, il nostro Dio, “che fino a quando ci sarà il suo popolo in ogni angolo della terra, il male non ci potrà sopraffare.”
    Se ai diversamente religiosi non gli piace, liberi di andarsene ed anche alla svelta.

  7. Tutto questo lo dobbiamo ad una sedicente destra – naturalmente liberale (pure FdI si proclama tale pur essendo erede del MSI) e non conservatrice – che distingue tra immigrazione regolare e irregolare e tra Islam moderato e radicale. Distinzioni che non hanno alcun logico fondamento e che stanno causando la nostra rovina.

Lascia un commento