Draghi come Boldrini: “Migrazione inevitabile, non servono i muri”

Condividi!

Infatti, che stupidi i Romani ad avere costruito il Vallo Adriano, dovevano semplicemente avere una ‘visione’. E Dio? Non aveva la visione di Draghi, e preferì piazzare Adamo ed Eva in un paradiso terrestre recintato e protetto dalle bestie non del tutto umane.

Ma non ti vergogni, Salvini, a fare da scendiletto a questo personaggio losco?




17 pensieri su “Draghi come Boldrini: “Migrazione inevitabile, non servono i muri””

  1. Sono inevitabili sono in Italia perché qui ci sono da decenni al potere solo sodomiti, troie, comunisti, ladri, mafiosi, e razzisti antibianchi. E Haunebu e Lorenzoblu concordano con me.

    1. Jess SSerr!

      Ma chiamarli froci e rottinculo, (Questo sono), fa più effetto si capisce meglio con quali loschi e lerci figuri si ha, a che fare!
      Visto che draghiminchia e tutti i politici si cinturano da sempre con un poderoso muro fatto da un invalicabile manipolo di signorpostofisso, che sono sempre pronti a manganellare il povero di turno che osa solo avvicinarsi al proprio, si cotanto e nobile padrone!
      Buon CCiorno!

  2. Una visione che troverei sublime è quella di San Giorgio che scende dal cielo in pompa magna, con tanto d’armatura, lancia e spadone luccicanti, e riprende a infilzare draghi. Come colonna sonora azzarderei un grande classico, tipo il Requiem di Verdi (anche se ultimamente, non so perché, il verde mi sta un po’ sui nervi).

    1. Nella scenografia ho dimenticato di citare il fiero cavallo bianco montato da San Giorgio, anch’esso adeguatamente sbrilluccicante per via della corazza d’ordinanza. È un dettaglio importante, perché ogni eroe che si rispetti monta un cavallo bianco, anche per accentuare il contradto cromatico col rosso del sangue del rettile agonizzante, trafitto più e più volte. Esiste una nutrita iconografia ad attestarlo.

      1. Nessuno vuole mai assumermi anche se il mio CV è più che adeguato e rispetto agli altri io porto anche le fighe. Lo fate solo perchè sono un crucco. Siete dei razzisti di merda.

      1. Da un punto di vista strettamente espressivo non posso far altro che approvare, composizione ammirevole e di grande effetto! Il mio orientamento verso il Requiem era dettato da ragioni “di contorno” : 1. il il riferimento allla dipartita definitiva del rettile e 2. l’italianità di un compositore che per di più, è solitamente abbinato ad ideali patriotici.

  3. Il primo governo Prodi organizzò il blocco navale all’Albania nel 1997 con tanto di riapertura della base della Marina militare nell’isolotto di Saseno.
    Sul sito del Ministero della Difesa si legge: ”Il 28° Gruppo Navale è stato costituito il 15 aprile 1997 nell’ambito degli accordi bilaterali intercorsi tra il Governo italiano e quello albanese per debellare il fenomeno dei flussi migratori clandestini nel mar Adriatico.”

    Ci siamo ritirati da Saseno nel 2009.

Lascia un commento