Ragazzina sodomizzata in bagno scuola da compagn* di classe trans

Condividi!

Come sapete in molte parti degli Usa i trans possono usare i bagni del sesso che loro scelgono quel giorno. Con il risultato che uomini vestiti da donna entrano nei bagni delle bambine, a scuola. E le stuprano. Poi le autorità di sinistra nascondono le notizie.

Perché nel mondo della minoranze: trans>donne.

Come accaduto in Virginia.

Traduzione automatica:

Il 22 giugno, Scott Smith è stato arrestato durante una riunione del consiglio scolastico della contea di Loudoun in Virginia, una riunione che alla fine è stata considerata un'”assemblea illegale” dopo che molti partecipanti si sono opposti alla politica sugli studenti transgender.

VERIFICA LA NOTIZIA

Quello che la gente non sapeva era che poche settimane prima, il 28 maggio, secondo Smith, un ragazzo, che presumibilmente indossava una gonna, è entrato nel bagno delle ragazze della vicina Stone Bridge High School, dove ha aggredito sessualmente la figlia di Smith, che era in terzo.

I file dei minori sono sigillati, ma l’avvocato di Scott, Elizabeth Lancaster, ha dichiarato al Daily Wire che un ragazzo è stato accusato di due capi di sodomia forzata, un conteggio di sodomia e un conteggio di un’accusa di pompino forzato , relativi a un incidente quel giorno a quella scuola.

Sulla scia del video virale che mostra il suo arresto, Smith è diventato l’epitome di ciò che la National School Boards Association ha definito una forma di “terrorismo interiore”: un uomo bianco della classe operaia che si sarebbe presentato per maledire i piccoli funzionari del suo consiglio scolastico locale.

“Se qualcuno si fosse seduto e avesse ascoltato per trenta secondi ciò che Scott aveva da dire, sarebbe stato mortificato e con il cuore spezzato”, ha detto Lancaster.

Pochi minuti prima dell’arresto di Smith alla riunione del consiglio scolastico, il direttore delle scuole pubbliche della contea di Loudoun (LCPS) aveva tenuto una conferenza al pubblico dicendo che le preoccupazioni sulla politica a favore dei transessuali venivano spostate perché il sistema scolastico non aveva precedenti di aggressioni ai bagni di nessuna scuola .

Poi una donna che indossava una maglietta con un cuore arcobaleno – un’attivista della comunità di sinistra – ha detto a Smith che non credeva a sua figlia, ha detto. La sua rabbia ha poi raggiunto il picco e ha avuto un acceso scambio di parole con la donna. Un ufficiale di polizia, presente per mantenere la pace alla riunione, gli ha tirato il braccio. Smith lo tirò indietro. Prima che se ne rendesse conto, è stato preso a pugni in faccia, ammanettato e trascinato sul pavimento, con i pantaloni abbassati. Le immagini dell’incidente sono state trasmesse in televisione e sui giornali di tutto il mondo.

Buta Biberaj, il procuratore della contea progressista eletto, che ha stretti legami con i membri più di sinistra del consiglio scolastico, è arrivato in tribunale per perseguire personalmente Smith per aver disturbato la pace e rifiutato di conformarsi. Biberaj aveva fatto una campagna su un programma per porre fine alla “carcerazione di massa”, ma voleva mettere Smith in prigione per questi reati.

Come pubblico ministero, Biberaj doveva essere a conoscenza del caso che coinvolgeva la figlia di Smith. I pubblici ministeri del tribunale per i minorenni hanno assicurato a Smith che il sospettato era ritenuto responsabile: era agli arresti domiciliari, confinato a casa di sua madre. Secondo Lancaster, il 14 ottobre era prevista una condanna, probabilmente sotto forma di dichiarazione di colpevolezza per un’accusa di violenza sessuale meno grave.

Ma il 6 ottobre, secondo l’ufficio dello sceriffo della contea di Loudoun, una quindicenne è stata accusata di violenza sessuale e rapimento dopo che la polizia ha detto che aveva costretto una ragazza a entrare in una stanza vuota, l’aveva trattenuta contro la sua volontà e l’aveva toccata in modo inappropriato .

Lancaster rivela che il sospettato è lo stesso ragazzo che avrebbe attaccato la figlia di Smith.

Negli USA infuria ormai da mesi il dibattitto sulle nuove controverse policy, introdotte dall’amministrazione Biden, secondo le quali le persone transgender dovrebbero poter accedere a tutti gli spazi pubblici riservati al genere nel quale s’identificano, anche se diverso dal loro sesso biologico.

Ci sono già stati numerosi incidenti e casi di violenza e adesso è emerso che alcuni di questi casi erano stati volutamente nascosti, probabilmente per poter permettere l’implementazione delle nuove policy. Tutto questo dovrebbe far riflettere quelli che vorrebbero introdurre questi pericolosi principi anche in Italia.

Luke Rosiak del Daily Wire ha infatti riferito che quest’estate, nel mezzo di un acceso dibattito sulle controverse nuove policy relative alle persone transgender nella contea di Loudoun, in Virginia, i funzionari scolastici avrebbero nascosto che una ragazza di 15 anni era stata aggredita sessualmente da uno studente maschio di genere fluido in un bagno della scuola.

Il padre della ragazza, Scott Smith, è stato arrestato durante una riunione del consiglio scolastico del 22 giugno durante la quale dei genitori infuriati erano venuti per protestare contro la teoria razziale critica e contro le nuove policy sui transgender. Smith è stato accusato di condotta disordinata e resistenza all’arresto dopo aver avuto una discussione con una donna.

Raccontando pubblicamente la sua versione della storia per la prima volta, Smith ha detto al Daily Wire di essere stato provocato dalla donna, che ha affermato di non credere a sua figlia, e dai funzionari della scuola della contea di Loudoun che avevano insabbiato la presunta violenza sessuale.

Il Daily Wire ha riferito che mentre i registri del tribunale minorile sono sigillati, l’avvocato di Smith, Elizabeth Lancaster, ha detto che un ragazzo della Stone Bridge High School è stato accusato di sodomia forzata e di fellatio forzata in relazione a un incidente del 28 maggio, quando Smith dice che sua figlia di 15 anni è stata aggredita nel bagno di una scuola.

Smith dice che il ragazzo indossava una gonna quando è entrato nel bagno delle ragazze dove avrebbe aggredito sessualmente sua figlia.

I funzionari scolastici non hanno mai riconosciuto pubblicamente l’incidente, anche se il distretto ha discusso riguardo all’adozione di policy che consentissero agli studenti transgender di utilizzare bagni che corrispondessero alla loro identità di genere auto-dichiarata.

Durante la riunione del consiglio scolastico di giugno, i funzionari scolastici hanno detto ai genitori pochi minuti prima dell’arresto di Smith che le preoccupazioni per gli studenti transgender nei bagni o negli spogliatoi erano infondate e che non c’erano registrazioni di aggressioni avvenute nei bagni. In quell’occasione non hanno informato il pubblico della presunta aggressione contro la figlia di Smith, che è stata denunciata alla polizia tre settimane prima.

Nel frattempo, il sospettato di 15 anni che avrebbe aggredito la figlia di Smith non è stato ancora condannato ed è accusato di aver aggredito sessualmente un’altra ragazza in un’altra scuola. Infatti il 7 ottobre, l’ufficio dello sceriffo della contea di Loudoun ha annunciato che “un adolescente di Ashburn è stato accusato di violenza sessuale e rapimento di una compagna di studi alla Broad Run High School”.




6 pensieri su “Ragazzina sodomizzata in bagno scuola da compagn* di classe trans”

  1. Non è ə primə e casə. Emblematicə quellə recentə in Californiə dovə unə trans si è introdottə in unə spə femminilə, pardon, di corpə con vaginə, usufruendə də tuttə ə servizə a cazzə də fuorə, davantə ə donnə, pardon corpə con vaginə, ragazzinə e bambinə. Nelle prigionə ormaə ə prassə comunə chə ə detenutə trans violentinə lə detenutə donnə, pardon corpə con vaginə. Tuttə tacə, comə semprə.

  2. Hanno rotto il cazzo!Sei uomo e ti senti donna?Te lo taglio.Vuoi tornare uomo?Te lo ricucio ma in fronte!Ti senti fluido?Ti sciolgo nell’acido!Sei bisex?Un buco cal.44 vicino all’uccello o un cetriolo cucito accanto alla patata.

Lascia un commento